mercoledì 13 agosto 2008

Morettti abbraccia la tesi di "ITALIANI IMBECILLI"




LOCARNO: oggi il noto regista ha affermato che
"La sinistra, l'opposizione, è divisa in due: o è autodistruttiva o è in letargo. Ma la cosa più grave è che manca, non esiste, una opinione pubblica: è da 14 anni che Berlusconi, nonostante il conflitto di interessi, può non solo candidarsi a guidare il Paese ma anche avere un così forte controllo dei media". Finalmente un intellettuale prende la parola (da lui, fortunatamente, dovevamo aspettarcelo) e la sua affermazione si riassume nel titolo di questo blog. Poi ha anche aggiunto: "In nessun Paese democratico del mondo sarebbe stato consentito a Berlusconi di potersi candidare e di avere una tale concentrazione di giornali e televisioni. Ma manca la memoria, manca un'opinione pubblica, si accetta tutto come normale. In un altro Paese, e lo dico tra virgolette, sarebbe stato 'punito' dagli elettori". Già! Manca la memoria, ma non solo quella! Agli italiani manca anche quel senso di autostima e la capacità di reagire ai soprusi. Proprio oggi il settimanale cattolico "Famiglia Cristiana" ha messo in guardia i lettori dicendo che in Italia sta per prendere forma un altro tipo di fascismo. Più chiaro di così! Ma gli italiani rimangono inermi. Ricordo Giorgio Gaber che cantava "... e l'Italia giocava alle carte e parlava di calcio nei bar...". Ed erano gli anni '70, figuriamoci adesso! Ma Nanni Moretti incalza ancora: " Se pensiamo che voleva nominare ministro della Giustizia, Previti... quando un Previti viene condannato in tre gradi di giudizio per corruzione della magistratura relativa agli interessi di Berlusconi, l'opinione pubblica avrebbe dovuto 'punirlo'. Per non parlare di Dell'Utri. Berlusconi non ha spostato i voti, ha spostato un Paese. La frase di rito vorrebbe che si puntasse sui giovani ma come si fa quando sono abituati a vedere la situazione attuale come normale"?
Però adesso mi chiedo: dove sono gli altri intellettuali? Perché latitano proprio ora che il Paese ha bisogno di loro? Perché non si fanno vedere in tv a sostenere le parole di Moretti, di Travaglio o del comico Grillo, anziché andarci per promuovere le loro opere? Che! Forse sono diventati imbecilli anche loro?

2 commenti:

SAMUEL ha detto...

Amigo, soy de argentina, y por lo que en tu blog veo, se que encontraras interesante otro de mis blogs.
http://montalvetti.blogspot.com/
saludos desde Argentina y buena vida!

Pingo D'Água ha detto...

Berlusca è come il riflesso di una società che sta con una malattia chiamata "imbecillità" ... ;))

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti