mercoledì 15 aprile 2009

Previsione dei terremoti: è possibile, però...

In Italia esistono i famosi 'enti inutili', vetusti o addirittura inesistenti e che gravano sempre sulle spalle dei contribuenti. Dovevano essere cancellati 50 anni fa, ma, anche per colpa del governo Prodi, ne rimangono ancora ben 110!
Perché questa resistenza? Ci sono interessi nascosti dietro questa anomalia tutta italiana? 'A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca' (G. Andreotti).
In Italia ci sono anche enti, associazioni, istituti che, seppur inutili, lasciano trapelare un'immagine di efficienza e di operosità che impone persino un atteggiamento di reverenza da parte nostra nei loro confronti. Ma alla luce del metodo Giuliani -che non è isolato- con il quale si dimostra che i terremoti sono prevedibili, possiamo tranquillamente affermare che tutti quegli istituti preposti al monitoraggio del sottosuolo e sparsi sul nostro territorio non servono proprio a niente.
A cosa serve, infatti, monitorare se non si offre una valida decodifica dei segnali? Sarebbe come controllare l'ebollizione del latte in un pentolino e non fare niente prima che il latte strabordi.
Quando gli 'esperti' di questi istituti vengono intervistati, normalmente le loro dichiarazioni non si scostano mai dal solito 'abbiamo rilevato un cambiamento dello stato nella litosfera' (o cose del genere). Va bene, lo avete rilevato, quindi? A cosa servono le numerose schiere di 'esperti', di sismologi, di fisici, di tecnici... Sono tutti lì a guardare estasiati il latte che bolle e a noi ci raccontano che 'il latte sta bollendo'. Che bravi. In Abruzzo erano mesi che il latte bolliva, gli abitanti lo hanno rilevato da soli, gli esperti non hanno detto niente, non hanno fatto niente, la tv ha taciuto. L'unico che ha parlato, lo hanno messo a tacere in maniera coattiva.
Dicono anche: 'ma noi siamo qui a rilevare, non a predire' (e te lo dicono anche).
Allora pensiamo che questi 'autorevoli' istituti debbano essere considerati enti inutili e, come tali, aboliti o riconvertiti in strutture funzionali, magari utilizzando il metodo di Giampaolo Giuliani.
Di seguito, una sorta di continuazione delle dichiarazioni di Giuliani. [fonte del video]
.

15 commenti:

Aleph ha detto...

Bella come provocazione sarcastica! Forse è proprio col sarcasmo che magari si sentiranno ridicoli. Ammesso che sappiano 'sentire'.

Anonimo ha detto...

ciao mi chiamo mario e digito da ortona ,volevo dire che giorni fa avevo postato la seguente domanda su yahoo answer:
"se giampaolo giuliani è un "imbecille" come dicono perche gli scienziati che lo difendono vengono censurati in rete?"
signori questa domanda è stata ELIMINATA,questa mi pare una cosa gravissima,non so se siete daccordo con me.vi erano pareri di alcuni fisici tra cui pure il rettore dell università di trento che dice che "giuliani è persona credibile"
cmq complimenti questo sito mi piace lo scoperto solo poki giorni fa.e ci vengo spesso aleggere i vari post

Vincenzo Cucinotta ha detto...

Provocazione eccellente, concordo con Aleph, anche se sarei meno ottimista di lei riguardo alla loro sensibilità alla satira...

amatamari ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
amatamari ha detto...

In tutti questi giorni ho sentito solo un intervento sul tg3 - la rubrica forse era ambiente italia o qualcosa di simile - e l'intervistato, un docente universitario, affermava sinteticamente che anche se non è possibile prevedere un terremoto vi sono degli indicatori che possono essere considerati utili quali: cronologia degli eventi tellurici nella zona, forme in cui si è manifestato il cataclisma, presenza di attività tellurica nella zona, rilevazione anomala radon, comportamenti anomali degli animali.
Il docente proseguiva rammentando che la ricerca si occupa anche di incrociare tutti questi dati.
In Italia preferiamo guardare il pentolino e registrare i tempi di ebollizione, ma va tutto bene, of course.

pia ha detto...

Sui blog siamo tutti molto spesso d'accordo: ma fin dove arriva la nostra voce?
Il potere è blindato...

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Aleph
Era un bel po' di tempo che volevamo denunciare questi 'autorevoli' istituti. Hai ragione... chissà se questi 'sentono' o hanno anche l'anima atrofizzata!

@ Anonimo (Mario)
Benvenuto, Mario. Grazie dei complimenti. sai, ci sono molti forum e siti che non accettano 'domande scomode', perché sono siti di parte, affiliate al potere, gestiti dal potere. Personalmente, con Yahoo answer ho chiuso da un pezzo, mi son bastate due entrate nel sito e ho capito... e gliele ho cantate anche! Ad appoggiare le tesi di Giuliani ci sono anche gli esperti russi.

@ Vincenzo Cucinotta
ahahah... anche la tua è buona satira. Concordo.

@ Amatamari
Of course! ;-)

@ pia
La nostra è una voce che corre nella blogosfera e che viene rilanciata. La speranza è quella di sentire, un giorno, la gente dire: 'l'ho letto su internet', anziché 'l'ho visto in tv'. Allora saran guai per il potere.

Riverinflood ha detto...

Questo succederà quando i numeri tra guardatori di tv e operatori di web cambieranno drasticamente.

Te-Pito-O-Te-Henua ha detto...

Complimenti per la denuncia.
La nostra voce nella blogosfera può essere considerato come un "potere invisibile", ma abbiamo molti esempi che le pressioni provenienti da Internet fà il cambiamento nella costruzione di un altro mondo possibile.
Ciao.

Ps: La rispostta alla tua domanda: Si. :)))))

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Riverinflood
Infatti!

@ Sill
Speriamo che quel mondo sia vicino.

Le Favà ha detto...

Il far credere che poteva essere evitato o almeno "ammorbidito" l'accaduto è solo per evitare di trovarsi sommersi dal tutto. Il dolore è una cosa bona e l'italia ha dimostrato di essere solidale con i propri cittadini. Cosa inversa però alcune istituzioni o alcui organi preposti alla prevenzione.

Effettivamente se paghiamo per controlli e poi questi non servono a nulla, tanto vale eliminarci e ucciderli nella culla. Hli enti. intentdo.

Anonimo ha detto...

buon giorno a tutti.volevo tornare sull argomento anche non essendo un esperto ne in geologia ne tantomeno in politica.intanto ringrazio per i saluti ricevuti ieri.volevo dire,probabilmente non sara mai possibile prevedere un sisma neanche con 20 minuti di anticipo,forse cio avverrà tra 100 anni chissà,la cosa che mi da fastidio è la seguente:apparentemente non si da credito a giuliani perche..NON è LAUREATO (FONTE WIKIPEDIA),non avra il bell aspetto di bertolaso o boschi,la sua parlata è quasi dialettale al confronto del (toscano?) di bertolaso,ma mi chiedo e mi rivolgo a voi che sicuramente masticate piu politica di me.HO 43 ANNI OK? HO VISTO ALCUNI TERREMOTI,la risposta è sempre la stessa del 76 in friuli "NON è POSSIBILE PREVEDERE UN SISMA IN ALCUN MODO", quindi la ricerca italiana e ferma agli anni 70?? perche fa comodo a qualcuno ?o ce qualche altro motivo?è apparentemente ferma perchè sarebbe uno scandalo far scendere 50.000 persone in strada col forte dubbio che poi non capiti alcun sisma? quindi se ho capito bene MEGLIO FAR CREPARE 1000 PERSONE PIUTTOSTO CHE FARE UNA BRUTTA FIGURA?POI BRUTTA FIGURA DAVANTI A CHI??ANZI CREDO CHE UNO STATO SAREBBE DA AMMIRARE ANCHE SE FA PASSARE LA NOTTE IN STRADA A 50.000 POVERETTI.DI CUI 5000 BAMBINI.QUELLA GENTE SECONDO ME USCIREBBE FUORI "MOLTO VOLENTIERI" ANCHE 30 GIORNI PUR DI SALVARE LA PELLE.NON è UN DISCORSO FACILE,PENSO CHE IN ITALIA SI CONTINUERà AD USARE USCLUSIVAMENTE IL SISMOGRAFO PER ALTRI 50 ANNI.TRA 2-3 ANNI NESSUNO SI RICORDERA DI GIULIANI..DEL RADON..ECC.ECC..QUINDI DEVO PER ASSURDO PENSARE CHE UN TERREMOTO FA COMODO? FA COMODO PERCHE POI IN SEGUITO DA 10 ANNI DI LAVORO AD IMPRESE EDILI MAFIOSE SCELTE DALLO STATO PER RICOSTRIURE CON SABBIA DEL MARE (COME DICE SAVIANO) CENTINAI DI ABITAZIONI,OPERE PUBBLICHE ECC?PRONTE AD UCCIDERE TRA 20 ANNI ALTRI 1000-2000 "STRACCIONI" HO RAGIONE IN CIO?BE NON HO ALTRO DA AGGIUNGERE .MARIO DA ORTONA.A PRESTO

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Mario da Ortona
Senza riferirci necessariamente al caso che tu esponi, noi pensiamo sia meglio un non laureato onesto (purché conosca il proprio lavoro), pittosto che un mariuolo corrotto con tanto di laurea.
Comunque sia, hai centrato il problema: un terremoto fa comodo a molti. Ogni calamità è un business per il potere in carica. In questo momento, inventandoci un 'corruttometro', potremmo rilevare un tasso altissimo di corruzione e malaffare nell'area dell'aquilano.

Cristiano - Silgmaris ha detto...

Ciao, sono Cristiano da Milano... forse vado un po' controcorrente però ho qualche dubbio da porre su quanto scritto. Non voglio difendere nessuno perché sono ignorante in materia ma un'opinione me la sono fatta. Che siano davvero inutili questi centri di monitoraggio non ne sono convinto perché in base alle loro misurazioni vengono regolati anche i piani regolatori dell'edilizia locale (che poi comuni/provincie/regioni non attuino è un altro discorso). Sul caso di Giuliani ho qualche perplessità... perché è facile prevedere che qualcosa accadrà ma se non si è abbastanza precisi si rischia (come nel suo caso) di fare solo un danno. Da quello che ho letto ad esempio Giuliani aveva predetto il QUASI-DOVE ma non il QUANDO. Il QUASI-DOVE non era l'Aquila e molto probabilmente se fossero state sfollate delle persone da quella zona sarebbero state spostate a L'Aquila... cosa non buona direi visto ciò che è accaduto. Magari a dormire nella Casa dello Studente. Il QUANDO se non è preciso... cosa significa? Per quanto tempo decidi di mantenere una zona sfollata?
Non so, sinceramente rimango molto dubbioso. In Giappone aspettano tutti un terremoto disastroso da una vita, sono molto più avanzati nella ricerca a riguardo di noi ma ancora oggi non sanno prevedere quando arriverà una scossa.

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Cristiano - Silgmaris
Rispettiamo la tua opinione, anche se riscontriamo che la formazione della stessa è derivata dall'informazione televisiva. La tv mente e questa non è un'opinione.

I nostri 10 articoli più letti