giovedì 9 luglio 2009

Obama, Napolitano e il sottotesto: messaggio nascosto contro Berlusconi

A qualcuno sarà anche sfuggito, ma da una corretta analisi delle parole di Obama, in merito al ruolo e alla figura del Presidente Napolitano, si evincono alcune interessanti posizioni.
Intanto riportiamo testualmente le parole di Obama:
'Il presidente della Repubblica gode di grande ammirazione presso il popolo italiano. Voglio confermare che tutto quello che è stato detto su di lui è vero, è un leader morale'
'E' una persona gentilissima e rappresenta al meglio il vostro Paese. Grazie per la sua leadership'
Esiste un sottotesto, in queste parole, degno del più fine oratore diplomatico e del più arguto drammaturgo.
Attraverso le parole di Obama, Napolitano è diventato, suo malgrado, un mezzo di comunicazione e un termine di paragone. Infatti il presidente USA intendeva dire esattamente il contrario di ciò che ha detto, ma riferendosi a Berlusconi!
E allora analizziamo tutto il sottotesto:
- 'Il presidente della Repubblica gode di grande ammirazione presso il popolo italiano' (Berlusconi, invece, non gode di nessuna ammirazione presso il popolo italiano e nel mondo).

- 'Voglio confermare che tutto quello che è stato detto su di lui è vero, è un leader morale' (Questo passaggio è sopraffino: cosa mai si sarà detto di Napolitano nel mondo? Semmai è Berlusconi il superchiacchierato! Quindi la frase va letta così: voglio confermare che tutto quello che è stato detto su Berlusconi è vero, egli non è un leader morale)

- 'E' una persona gentilissima e rappresenta al meglio il vostro Paese' (l'arroganza di Berlusconi rappresenta in maniera pessima l'Italia)

- 'Grazie per la sua leadership' (Leadership? Napolitano è 'solo' il rappresentante dell'unità nazionale, la leadership del governo spetta a Berlusconi, quindi questo 'grazie' è assolutamente ironico e si riferisce al fatto che Berlusconi non ha saputo nemmeno organizzare l'agenda del summit, fino a vedere gli altri Paesi chiedere la sostituzione di Berlusconi)
Berlusconi, sei la vergogna del nostro Paese. Tu non ci rappresenti!
A Obama va il nostro grazie.
A corredo del post, pubblichiamo un commento lasciato qui e che ci dà l'opportunità di verificare il 'metodo diplomatico' adottato da Barack Obama anche nel suo discorso di inaugurazione. Il commento è di n.mangano -che ringraziamo- il quale fornisce anche il link del video.
Allora, trovato adesso sto bel post.L'analisi è MOLTO interessante, e devo dire esatta. Per dire questa cosa mi baso su dei criteri ben precisi. Mi spiego, e se qualcuno mastica un po di inglese può verificare. Questa lingua, ma soprattutto lo stile e la retorica che obama domina perfettamente,si presta a grandi modi per lanciare frecciatine e sottotesto.Guardate (e leggete, magari)bene l'uso di "Some", "we", "others" ecc. nel discorso di inaugurazione http://www.youtube.com/watch?v=VjnygQ02aW4 Demolisce bush senza mai nominarlo.

23 commenti:

Francesco Zappia ha detto...

Ma che cazzata è questa

Θάνος Δ ha detto...

Fortunatamente c’era Ciampi e c’è Napolitano.

E Silvio spera di essere il prossimo presidente? Κύριε ἐλέησον!

La Mente Persa ha detto...

l'avevo notato :)

coscienza critica ha detto...

@ Francesco
Una di quelle che qualcuno non potrà mai capire.

@ Θάνος Δ
Eleison? E che vuol dire? :-)

@ La Mente Persa
Lo ha notato anche 'El Pais' ;-)

Miryam ha detto...

Anche il Financial Time riportava la notizia interpretandola più o meno allo stesso modo, solo i lotobomizzati non ammettono deroghe...
C'è un'appello da firmare su micromega per "avvisare" il papa di non ricevere a G8 concluso il berlusca.
Pur se non si è credenti credo che, in un paese bigotto come il nostro,se questo stop andasse in porto sarebbe un altro smacco tosto per il "porco".
Ciao!

Luigi Morsello ha detto...

Analisi perfetta! Altro che cazzate!

luca B. ha detto...

dai ....siete ridicoli...invidiosi !

Andrew ha detto...

anche io l'ho notato

Sill Scaroni ha detto...

Molto bravo a leggere tra le righe ... ;)
Ciao.

Luigi Morsello ha detto...

Luca B. e Andrew: per dirci che siamo ridicoli dovreste avere una nozione, anche elementare, del concetto di ridicolo.
Non mi pare che l'abbiate.

coscienza critica ha detto...

@ Miryam
Grazie per l'info :-)

@ LUIGI MORSELLO
PENSO CHE ANDREW ABBIA VOLUTO DIRE CHE HA CAPITO IL SOTTOTESTO. RIGUARDO AI BERLUSCONES, ORMAI HANNO PERSO TALMENTE LA LORO DIGNITA' E COSCIENZA CHE NON SI ACCORGONO NEPPURE DI SGUAZZARE NELLA M.... LASCIALI PARLARE.

@ Sill
Grazie :-)

Crocco1830 ha detto...

Sono d'accordo con te. Anch'io avevo notato qualche allusione di Obama, quando riferendosi a Napolitano lo definito leader morale. Ma tu qui hai fatto un'ottima "analisi del testo"!

Luigi Morsello ha detto...

PRENDO ATTO E SUGGERISCO A ANDREW DI DIRE A QUALE COMMENTO SI RICHIAMA QUANDO DICE DI ESSERE D'ACCORDO.
COSI' SI EVITANO MALINTESI.

coscienza critica ha detto...

@ Crocco
Penso che la parola 'morale', nel contesto del G8, in qualsiasi momento, abbia condotto molti a pensare all'immoralità di Berlusconi. E' come parlare di corda in casa dell'impiccato.

@ LUIGI
HAI RAGIONE. A VOLTE CI SI SCORDA DI PUNTUALIZZARE, CAPITA A TUTTI.

aleph ha detto...

Non mi unisco al coro : francamente Obama aveva l'occasione di parlar chiaro e di 'dimostrare' nei gesti ( che sono moooolto importanti...)il suo distacco dal pagliaccetto italiano. Invece grandi strette di mano, battute e sorrisoni e complimenti per il gran party. E così anche gli altri. Continuare a osannare Obama come l'uomo del cambiamento ci farà solo deludere . E' il presidente degli stati uniti, e in politica internazinale cambierà poco. Sotto sotto ho anche l'impressione che pensi che il Presidente dello Stato Italiano abbia lo stesso valore e che quindi sia stato solo uno scivolone da ignoarnte. Dopo tutto ha scambiato Putin ancora per il presidente della russia!

Anonimo ha detto...

La presa in giro è PALESE, quando ho iniziato a leggere l'articolo mi sembrava un po' tirata per i capelli, ma continuando si vede benissimo che è stato fatto apposta....ci sono troppe coincidenze e troppi "errori"...e il bello è che c'è ancora gente che urla al complotto e dice che è solo informazione manipolata, ah beh, senti da che pulpito

rossogiuda ha detto...

Ma le 'tue analisi' prevedono anche il controllo psichiatrico ?
madonan che tristezza che fai..

Francesco ha detto...

mi sembra un'analisi leggermente fantasiosa!

Sinceramente credo anche io che Obama non ami Berlusconi e mi sembra che abbia semplicemente evitato di parlare di lui rivolgendosi invece a Napolitano.

La tua analisi è troppo pretenziosa!
Insomma: se io dico una cosa intendo dire proprio quella cosa, mi pare la soluzione più semplice!

Anonimo ha detto...

Trovo la lettura un po forzata, ma sicuramente nel giusto. La chiave secondo me sta piu nel "rappresenta al meglio il vostro paese"...qui non c'è molto da parafrasare: delle cariche istituzionali che avete, lui è quello che meglio vi può rappresentare (al contrario di chi dovrebbe farlo per ruolo, il quale non è evidentemente all'altezza)!

E continua la barzelletta Italia.

storico ha detto...

direi che questo è quello che si vuol vedere nel piccolo mondo della politica italiana
Obama ha pubblicamente elogiato l'organizzazione del g8.

Berlusconi sul G8 incassa le lodi del Financial Times.

n.mangano ha detto...

Allora, trovato adesso sto bel post.
L'analisi è MOLTO interessante, e devo dire esatta. Per dire questa cosa mi baso su dei criteri ben precisi. Mi spiego, e se qualcuno mastica un po di inglese può verificare. Questa lingua, ma soprattutto lo stile e la retorica che obama domina perfettamente,si presta a grandi modi per lanciare frecciatine e sottotesto.Guardate (e leggete, magari)bene l'uso di "Some", "we", "others" ecc. nel discorso di inaugurazione http://www.youtube.com/watch?v=VjnygQ02aW4
Demolisce bush senza mai nominarlo.

coscienza critica ha detto...

@ n. mangano
Grazie del contributo, importante. Il tuo commento, adesso, fa parte integrante del post. La diplomazia è l'arte di dire senza dire. E Obama è un grande artista.
Ciao

n.mangano ha detto...

essì che è bravo, eh... in questo corso (lingua inglese 3) un prof tosto ha tirato fuori una tematica interessante, paragoni e analisi di discorsi politici, da enrico v di shakespeare a churchill a blair a obama. Molto interessante anche linguisticamente la creazione di un Noi vs Loro: ("we band of brothers", dice il re prima della battaglia) ecc. Se io dico "WE want peace and prosperity" è sottinteso "and THEY don't", naturalmente. grazie a voi del blog per la chicche!

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti