lunedì 14 dicembre 2009

Agli italiani imbecilli

In questi giorni stiamo assistendo alla più vile, violenta e ipocrita strumentalizzazione dell'episodio di ieri, da parte del governo e sopratutto da parte della televisione, suo fedele strumento di propaganda. Una strumentalizzazione mai testata prima e, di fatto, ci siete già dentro.
Ora noi, rivolgendoci a quella parte d'Italia succube inconsapevole della televisione, vogliamo dire quanto segue:
non ci concentreremo più a scrivere sulle strategie mediatiche televisive. Non vi spiegheremo più come funzionano i trabocchetti psicologici e tecnici con i quali le redazioni televisive vi fregano ogni giorno per inculcarvi sentimenti artefatti e deformare le vostre coscienze. Non più! Non vi parleremo di come tutto venga pilotato (anche la vostra vita) attraverso la tv. Non vi spiegheremo le squallide tattiche che il governo sta utilizzando per smuovere i voti a suo favore. Non ve ne parleremo più, almeno fino a quando continueremo a vedervi come larve catodiche completamente inanimate. E sapete perché non vi diremo tutto ciò? Perché ci siamo accorti che è completamente INUTILE! Perché conosciamo la potenza della tv e la vostra pervicacia nel rimanerne attaccati e schiavi inconsapevoli! Del resto, ne abbiamo scritti di post sul tema 'tv e regime' (sono raccolti tutti QUI, nell'insperato caso...). Certo, non possiamo pretendere di avere un'audience televisiva e un carisma tale da condizionare le vostre coscienze, ma ci siamo anche accorti che quando questo blog ha toccato le 5000 visite giornaliere, qualcuno si è messo in mezzo e il blog è stato immediatamente zittito! Alcuni nostri post, ora, non vengono più indicizzati. Fate un po' voi. Siamo scomodi? E perché siamo scomodi? A chi? La verità fa male? Non credo vi possa importare, tantopiù che i vostri sentimenti, in questi giorni e nei prossimi, saranno subdolamente indirizzati verso altre rotte e ci cascherete come pere cotte (come avete sempre fatto).
La televisione vi ha annullati e non ve ne siete neanche accorti. Ora si sta consumando l'ultimo atroce atto di questo perverso e pericoloso gioco tra voi (telespettatori schiavi) e il governo (padrone della tv) e, anche in questo caso, non ve ne state accorgendo. Le gravi conseguenze le pagheremo tutti, per colpa vostra! Piangete, adesso, che il vostro re sta male!


target="_blank"

5 commenti:

Danx ha detto...

Povero Silvio,
però quando un inerme cittadino viene massacrato dalla sua poliziamassopidufascista nessuno dice niente!
Siamo proprio tutti UGUALI...uh
C'è bisogno di una rivoluzione francese!!!!!!!!

yellow ha detto...

grandissimi pecoroni.

Infettato ha detto...

In questo momento occorre un cambiamento di rotta, nonostante non approvi molto del loro operato, Napolitano e il Papa sono le uniche persone di rilievo che predicano nella giusta direzione.

Se l'esempio da prendere è quello dei politici tutti, allora tra poco ci sarà la guerra civile, la deriva economica sta contribuendo non poco a questa causa, poco si può fare, la potenza mediatica è troppo grande, parte del condizionamento che genera odio si riversa in rete, viene schifosamente propagandato come se fosse un pensiero unico.

""Le gravi conseguenze le pagheremo tutti, per colpa vostra! Piangete, adesso, che il vostro re sta male!""

Anche non volendo, è il re di tutti, la democrazia è questa, personalmente non vorrei nessun re rosso o nero che sia, ma sono COSTRETTO ad averlo.

Anonimo ha detto...

NON RETROCEDETE DI UN MILLIMETRO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

secondo me e secondo altri ci vuole davvero una rivoluzione... ma siamo troppo pochi e sparsi in tutta italia.. è di tante persone la paura di perdere quello che si ha... perchè in fondo siamo diventati consumisti e comodisti... fino a quanto non ci capita una disgrazia e allora ci si accorge che la sfera di cristallo che vediamo in tv è un'illusione e noi ne siamo usciti fuori per rimanere SOLI... senza GIUSTIZIA

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti