venerdì 26 marzo 2010

Il Carro di Tespi, ma certo!

La trasmissione 'Raiperunanotte' è stata definita da Berlusconi un 'lugubre carro di Tespi', naturalmente per non smentire mai la sua gentilezza nei confronti dell'avversario politico (leggasi nemico acerrimo).
Si vede proprio che il premier deve ancora imparare molte cose (forse si sarà abbeverato alla fonte di Wikipedia o ha pessimi tutor).
Chi era Tespi? E il carro che c'entra?
Tespi era un poeta, figlio di Temone, che per le 'Grandi Dionisiache' di Atene compose la prima tragedia (534 a.C.). Tespi fu l'inventore del dialogo tra l'attore e il coro. L'attore, essendo unico, doveva interpretare molti ruoli e anche questa fu una grande e fulgida novità, a tal punto che Solone se ne scandalizzò, non comprendendo il valore della 'mimesis di azione elevata' (poi decantata da Aristotele). E' accertato il fatto che Tespi usasse un carro per girovagare e per poter presentare gli spettacoli nelle piazze delle varie città. Questo è ciò che normalmente si sa intorno alla figura di Tespi e che Berlusconi ha voluto utilizzare per denigrare Raiperunanotte (partito dell'amore). Ma scarse sono invece le notizie circa il motivo per cui Tespi usasse un carro, proprio lui che era famosissimo e che avrebbe avuto una buona vita, stabile e ricca, ad Atene.
La città di Atene, a quel tempo, era governata da un tiranno di nome Pisistrato che, con l'inganno, riuscì a instaurare una feroce dittatura. Ma sì, proprio Pisistrato! Quello a cui Berlusconi si è ispirato per il trucco dell'attentato a Milano e che noi denunciammo (vedi post). La dittatura di Pisistrato non ammetteva troppe libertà, infatti gli attori liberi erano malvisti dal governo perché avrebbero potuto fare satira e smascherare le menzogne di Pisistrato e della sua tirannia. Quindi Tespi si fece costruire un palcoscenico su ruote e, con quello, si allontanò da Atene e da quel despota ipocrita di Pisistrato.
Ci sembra quindi che la citazione del Carro di Tespi calzi a pennello, non perché la trasmissione di Santoro sia stata lugubre (anzi), ma perché in un'Italia governata da un tiranno fascista che limita la libertà di stampa e che censura gli spettacoli, il minimo che si possa fare è trasmigrare verso altri canali di trasmissione. Viva il web e che nessuno osi toccarlo!

PS. Berlusconi, semmai il lugubre è lei, come il suo governo! E poi, perché si lagna? Ottimismo, cribbio!

target="_blank"

4 commenti:

yellow ha detto...

ho visto Raiperunanotte e mi sono molto divertito e devo dire che sono stati molto scrupolosi nel ricostruire le ultime vicende del governo e di tutti i suoi rappresentanti.
B deve tacere e prendere atto che il suo partito fa sottocultura e atrofizza le menti con le sue televisioni al cloroformio.
una grande serata per riflettere ridendo.

GIGI ha detto...

non ho visto raiper una notte, berlusconi si fa i suoi comodi e ti infinocchia ridendo, con grande furbizia, al contrario della sinistra che ti infinocchia con grande solennità in nome dello stato.
Allora w Berlusca e basta con sto palloso di santoro che condanna le persone in contumacia pagato dai cittadini italiani

coscienza critica ha detto...

@ yellow
Concordo.

@ GIGI
1) Avresti dovuto vedere raiperunanotte
2) Berlusconi sarà furbo solo per te e per quelli che lo votano. Per me rimane un ignorante palazzinaro mafioso, venditore di fumo.
3) La sinistra infinocchia in nome dello Stato? Molto meglio che essere infinocchiati in nome di un dittatore. Quindi viva la sinistra, semmai.
4) Santoro condanna in contumacia? Dovrebbero farlo i giudici! Oppure il tuo padrone dovrebbe accettare gli inviti che Santoro gli fa per venire in trasmissione. Ma come fa, se ha paura?
5) La libertà di informazione non ha prezzo.

Anonimo ha detto...

GIGI

guarda almeno Luttazzi, nel suo intervento alla trasmissione, lui quello che tu chiami infinocchiare lo chiama in un modo diverso.
E poi lo sai cosa vuol dire contumacia in italiano? Seguendo la logica del tuo discorso non ci scommetterei.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti