domenica 2 maggio 2010

Come cambia l'Università con la 'riforma' Gelmini (video)

Il prof Sergio Roda, Prorettore dell'Università di Torino, spiega alcuni punti della cosiddetta 'riforma' Gelmini che feriscono anche il settore universitario italiano. Il quadro che emerge non è certo dei più confortanti.
E' compito nostro - dei bloggers, degli internauti in genere - dare voce a chi di solito non ne ha nei media tradizionali 'ufficiali'. E il fatto che in TV non si dia voce a chi la scuola la vive in prima persona, ci dà la misura precisa della volontà di censura, da parte di questo governo, dei grandissimi problemi che la 'riforma' Gelmini sta caricando sul settore dell'istruzione pubblica. E' quindi giusto che tutte le persone conoscano quanto di menzognero vi sia nei proclami del governo e dei suoi ministri, anche in questo settore strategico per il Paese. Nonostante le risposte del prof. Roda disegnino il profilo generale di alcuni problemi, risulta comunque facile intuirne tutti i connotati.



target="_blank"

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Non ho avuto ancora modo di informarmi....ma che aspettarsi!E' una sciacquetta, una che si è laureata con le "caciotte" migrando in quel di Calabria per trovare più "comprensiobne" e che del settore non ne capisce un'acca.Una che è solo una marionetta piena di prosppopea nelle mani di Tremonti, quasi che la scuola o l'Università fossero aziende che producono bulloni e non formazione per il futuro del paese.Una minusquam che si permette di dire che le donne che stanno in maternità per mesi onde accudire i figlioletti appena nati sono delle privilegiate e che ci vuole buona volontà!? In che senso? Potrebbero buttare il bambino nel cassonetto,darlo a balia...o non far proprio figli, che è meglio? Da che pulpito si possano fare certe affermazioni e con quale faccia..da quella di una "beneficiata" che certo non avrà problemi economici per pagare baby sitter a gogò o i migliori asili nido? A parte che i bimbi appena nati hanno bisogno del contatto e del calore materno, non sono pupazzi di gomma......si informi, legga!
Vergogna, MaryStar, meriterebbe di essere presa a sberle..ed è troppo poco!
Mietta

Anonimo ha detto...

Non ho avuto ancora modo di informarmi....ma che aspettarsi!E' una sciacquetta, una che si è laureata con le "caciotte" migrando in quel di Calabria per trovare più "comprensione" e che del settore non ne capisce un'acca.Una che è solo una marionetta piena di prosopopea nelle mani di Tremonti, quasi che la scuola o l'Università fossero aziende che producono bulloni e non formazione per il futuro del paese.Una minusquam che si permette di dire che le donne che stanno in maternità per mesi onde accudire i figli appena nati sono delle privilegiate e che ci vuole buona volontà!? In che senso? Potrebbero buttare il bambino nel cassonetto,darlo a balia...o non far proprio figli, che è meglio? Da che pulpito si possano fare certe affermazioni e con quale faccia..da quella di una "beneficiata" che certo non avrà problemi economici per pagare baby sitter a gogò o i migliori asili nido? A parte che i bimbi appena nati hanno bisogno del contatto e del calore materno, non sono pupazzi di gomma......si informi, legga!
Vergogna, MaryStar, meriterebbe di essere presa a sberle..ed è troppo poco!
Mietta

coscienza critica ha detto...

E' un essere indegno di stare in comunità.

Anonimo ha detto...

Mi scuso per la ripetizione....pensavo che uno dei due si fosse perso nell'etere :-D
Mietta

uniroma.tv ha detto...

Al seguente link è possibile vedere un servizio realizzato da uniroma.tv
All’università Lumsa i rettori si incontrano per discutere le riforme Gelmini adottate ultimamente per migliorare le Università d’Italia.


http://www.uniroma.tv/?id_video=16118

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti