martedì 13 luglio 2010

Se questo è un governo

Ora ditemi voi se questo è un governo! Ma ci rendiamo conto che qui siamo al delirio di una classe dirigente che fa quel che gli pare e che pretende pure di avere ragione? Quanti di voi, ad esempio, si sentirebbero di affermare che il governo sta occupandosi dei bisogni reali dei cittadini? Un governo che si è insediato (non sappiamo bene come) per sfuggire alle manette, premier in testa, non può certo pensare ai problemi della gente. La gente? E che cos'è la gente se non carne da macello e mero strumento di arricchimento dei politici?
Ditemi voi se questo è un governo, dove gli inciuci con il mondo dell'imprenditoria, dell'economia e dell'industria rivelano esattamente quanto detto sopra. La manovra economica che chiamano anche 'correttiva' è l'ennesima dimostrazione dell'arroganza del governo nei confronti delle classi medie e basse e... fosse 'solo' la manovra economica! Miliardi di euro, tutti nostri, non servono certo per risanare o potenziare i servizi, bensì per acquistare cacciabombardieri, ad esempio. Miliardi di euro, tutti nostri, regalati a una cricca di ****** che osano anche insultare chi da sempre paga regolarmente le tasse, ad esempio i lavoratori ('fannulloni') del pubblico impiego. E' ovvio, gli schiavi vanno anche insultati e i veri schiavi sono anche contenti di essere sviliti.
Dite se questo è un governo, che sopravvive soltanto grazie alla propaganda televisiva, che vuole impossessarsi dell'unico potere che gli manca (giudiziario), che imbavaglia le voci di verità, che emana editti bulgari, che non discute le leggi in Parlamento e le affida ai 'decreti urgenti' o ai voti di fiducia, che va a puttane con i nostri soldi! Il governo del fare soldi è in piena rotta, sono stati affidati incarichi di prestigio ad amici e parenti, perché tutto in famiglia rende di più, assicura buoni stipendi e offre garanzie di omertà assoluta. Sono tutti ricattabili e perciò sono solidali tra loro. La gente? Cos'è la gente? Com'è lontana la gente!
Ditelo chiaramente se questo è un governo, dite se nella vostra vita avete mai visto niente di simile. L'Aquila geme ancora, ma non si deve sapere, chi protesta viene picchiato e denunciato, 30 mila terremotati sono ancora fuori, ma nessuno deve saperlo, la ricostruzione non c'è, ma ci sono in previsione le tasse da far pagare a tutti i terremotati. Le case già distribuite, insufficienti, sono servite per la propaganda di regime. Spenti i riflettori, il nulla! E che ne è degli alluvionati di Giampilieri? Sono ancora là, aspettano in un territorio ancora distrutto, in attesa di quell'aiuto che non arriverà, anche se ne hanno il diritto. Ma c'è il ponte sullo stretto a cui pensare, una grande priorità, senza la quale gli abitanti di Giampilieri non potrebbero davvero vivere. Quelli sì che sono soldi pubblici spesi bene! Tutto alla mafia.
Se questo è un governo secondo il quale il pensiero per il futuro del Paese è prioritario, allora bisognerà comprendere la ragione del taglio di 8 miliardi alla scuola pubblica e il contestuale licenziamento di 150 mila lavoratori (il più grande licenziamento di massa, taciuto per benino) che tutti i giorni svolgono un lavoro nobile per il futuro del Paese. Ma anche i docenti sono stati presi a maleparole da questo governo, oltre che essere stati licenziati e, i rimanenti in cattedra, depredati del potere d'acquisto (stipendi da fame, vergogna dell'Europa) e della dignità. Ma ci consoliamo tutti, perché ci fanno sapere che noi stiamo meno peggio degli altri Paesi d'Europa. Falso anche questo.
Agevolare il precariato, il licenziamento, la privatizzazione, infischiarsene dei nostri referenda (contro il nucleare, ad esempio) e degli articoli della Costituzione, ordire trame corruttive per accaparrarsi la fiducia di tizio o di caio, sfuggire ai processi con leggi ad personam e avere le mani in pasta negli affari più loschi della Nazione, promuoverli persino, e dopo offrirsi alle telecamere con l'animo ipocritamente candido di colui che 'non era a conoscenza' (Scajola, ad esempio) e sostenere di essere uno stinco di santo... ditemi se questo è un governo!
E se per voi questo è un governo, almeno, per favore, non chiamatela più democrazia!

target="_blank"

5 commenti:

yellow ha detto...

Invidio chi è riuscito ad andarsene dall'Italia.

coscienza critica ha detto...

In effetti...
Ma finché siamo qui, lottiamo.

Anonimo ha detto...

Hai sentito l'ultima di ieri....il predator ha minacciato i fedeli di Fini nel caso votassero a favore sulla mozione dell'IdV per l'esclusione di Cosentino. Fini "lo ricatta", afferma il pitocco, e quindi arriveranno ai ferri corti con la minaccia di escluderli dal partito. Ora pare che ci stia ripensando o sperando che quel mafiolo si tolga dai piedi.Ti sembra democrazia questa? Però, cari fanciulli aennini, che vi aspettavate e che speravate da un soggetto del genere? Possibile siate tutti così miopi..eppure tra di voi qualcuno pensante c'è?
Quanto al resto, CC,l'analisi è già perfetta e quindi niente da aggiungere se non il solito luogo comune "è il governo che ci...anzi si meritano, noi purtroppo siamo solo vittime con nessuna possibilità di riscatto. Stavo meditando tra me e me...ma se tutti costoro che delle leggi,del rispetto, della equità se ne impippano fossero giustamente puniti, quanti ne resterebbero in parlamento o alle leve di comando?
Io come dipendente pubblica non mi sento assolutamente una fallita, nè una fannullona e con me tanti altri e i miei "utenti" sono ben felici di aver a che fare con me...Brunetta è un essere abbietto, afflitto dal complesso della "statura" fisica e morale.
Ciao
Mietta

coscienza critica ha detto...

Quello che sta avvenendo nel pdl, in teoria, dovrebbe portare allo sfascio del governo. Credo però -ma spero di sbagliare- che si arrivi ad altri compromessi, altri 'equilibri'. Un simile caimano rabbioso non molla facilmente il trono.

Anonimo ha detto...

Bè, la cena dal viscido Vespa con la partecipazione del principe consorte in Caltagirone, lascia assai da pensare....fatti fuori i finiani, potrebbe pareggiare con l'UDC.Altra fetenzia...il pdl si è presentato alle elezioni ed è stato, ahimè, votato...ora come accettare una aggregazione non voluta dagli elettori? Ma un fatto del genere farebbe indignare more solito noi, dall'altra parte c'è il partito della libertà di far quel che caz..gli pare. Ti ricordi la scena con i Guzzanti in cui, prendendo di mira la casa delle libertà, si fiondavano a terra pur di mangiare della pstasciutta? Ah ah ah quanto sono bravi e non li possiamo neanche più vedere..E che possiamo nutrirci di satira, fa male, ci porta sulla cattiva strada, ci distoglie dall'adorazione del tutankamon bauscia.
Mietta

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti