domenica 12 settembre 2010

Il razzismo della Lega si propaganda a scuola

Il Comune di Adro, già tristemente famoso per avere un sindaco che ha negato la mensa scolastica a 40 bambini, procede beatamente nell'opera di propaganda razzista e lo fa anche attraverso la veicolazione del simbolo del partito. Ma non si tratta di manifesti affissi negli spazi pubblici preposti, bensì di adesivi e serigrafie che decorano parte dell'arredo di una scuola elementare, il polo scolastico dedicato a Gianfranco Miglio (ideologo della Lega). Il fatto è gravissimo anche perché l'azione di propaganda viene svolta in un contesto dove vivono i bambini, i quali non hanno gli strumenti culturali per un'analisi critica e assorbono passivamente i messaggi visivi. Ecco le immagini:

Lo zerbino
I banchiLa vetrata dell'ingresso
Il contenuto della scatola cranica di qualcuno
Ci chiediamo cosa sarebbe avvenuto se una scuola avesse adottato lo stesso sistema per veicolare la falce e il martello o la (A) di anarchia. La Gelmini aveva detto che non si può fare politica a scuola, in questo caso come si comporta? Rimane zitta, naturalmente, anzi è andata all'inaugurazione e ha espresso soddisfazione, insieme ai prelati che hanno benedetto crocifissi e sole padano! Vergogna!

target="_blank"

3 commenti:

yellow ha detto...

Gravissimo lavorare sulle menti pure e ricettive dei bambini: come le madrase o sbaglio?

coscienza critica ha detto...

Forse peggio di una madrasa, perché qui il messaggio è subliminale, non diretto. Comunque ha la stessa finalità delle madrase.

Zret ha detto...

Mi ricorda il film "Equilibrium".

Inquietante!

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti