martedì 7 settembre 2010

La tv nasconde la grande protesta francese contro la riforma delle pensioni

Sono 450.000 i francesi che oggi stanno compiendo il loro dovere di cittadini coscienti, marciando per le galliche strade contro la riforma delle pensioni. A noi basta solo dire quanto abbiamo detto, constatando che nessuna tv ne ha dato fin ora notizia.
Per i pochi distratti:

  1. Tutte le tv sono ormai nelle mani di Berlusconi.
  2. Le proteste e le rivoluzioni sono contagiose.
  3. Se sono contagiose vuol dire che ce n'è bisogno anche altrove.
  4. Il governo (come tutti i governi) ha paura del popolo, lo teme.
  5. Se il governo ha paura, vuol dire che è debole.
  6. Un governo pauroso e debole usa sempre la censura e la vigliaccheria.
Voilà un breve filmato della protesta francese e 'allons enfants'!
Aggiornamento: i manifestanti sono oltre 2 milioni. Le tv cominciano a parlarne.



target="_blank"

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro CC, i nostri fratelli francesi hanno la spina dorsale.Ricordo la prima volta che andai a Parigi...c'era la dimostrazione dei produttori di latte, erano tanti, agguerriti e quasi incutevano timore tanto erano incaz......!
Da sempre le dittature, anche quella sovietica, negano al popolo il diritto di essere informato, di confrontare, di conoscere realtà diverse ed eventualmente migliori o invidiabili e questo deriva dal fatto, come dici tu giustamente, che essenzialmente sanno di essere deboli.Ricordi quanti grandi artisti ei scrittori se ne son dovuti scappare dall'URSS e quanti altri ce ne saranno stati sfuggiti da realtà similari.
Certo che l'esempio è contaggioso, dovessero poi svegliarsi anche gli italioti!
Quanto all'informazione...hai visto che bravo quel pezzo di......di Minzolini? Neanche il discorso di Fini ha mandato in onda, per fortuna ha provveduto Mentana.
E il popolo tace, non capisce e neanche si ribella...dovremmo trovare il modo di non pagare più il canone anzi la tassa, questa è dis-informazione di regime e non la si può nè deve accettare.
Ultima cosa..sui vari blog gli ex compagni tutti a dire che non si doveva fischiare nè dell'Utri nè Schifani (ma come gli è venuto di invitarlo a quei dementi del pd?)ed io non sono d'accordo per niente.I cittadini in questo paese non hanno diritto di parola,se fanno una manifestazione vengono manganellati e come dovrebbero farsi sentire? I fischi ci stanno eccome e forse anche qualche pernacchio alla napoletana.Sai che dicono i buonisti piddini, che bisogna contestare con il dialogo...e perchè,quelli accettano di confrontarsi o di essere contestati ?
Sono andata un po' fuori tema, ma ormai tutto fa brodo.
Mietta

Anonimo ha detto...

ne hanno brevemente parlato al tg5 ieri sera

coscienza critica ha detto...

@ Mietta
Infatti, per vedere quanto una manifestazione possa essere efficace e credibile, basta guardare le facce della gente. La tv mostra sempre le facce più sorridenti e non è un caso. E comunque, le nostre manifestazioni somigliano troppo ad allegre processioni. Vive la France!

@ Anonimo
Ne avevano cominciato a parlare, di sera. Prima no. Oggi le tv non hanno potuto nascondere gli oltre due milioni di manifestanti.

Anonimo ha detto...

Sì, le nostre manifestazioni rassomigliano a gite fuori porta, con panini bevande e palloncini colorati...una pena!Le facce incaz.....non le fanno vedere ma neanche ce ne son tante, dai retta..evidentemente gli italiani non stanno così male come si dice.
Solito esempio banale e trito e ritrito...domenica al cinema c'erano due ragazzetti forse quindicenni con in mano l'Iphone...ma i genitori rubano o se si guadagnano onestamente da vivere dove li prendono i soldi?
Vive la France...quanto mi piacerebbe vivere lì nonostante Sarcozy (fa anche rima :-D)
Mietta
p.s.non adoro Mentana, ma debbo dire che il suo TG è meno indigesto di quello del lurido servo minzo.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti