sabato 1 gennaio 2011

TV: una galassia di disinformazione contro gli anarchici

L'informazione di regime adotta da sempre strategie per far pendere, da un lato o dall'altro, valutazioni, giudizi, pensieri. La tv ha l'enorme potere di condizionare la massa e di modificare le coscienze dei cittadini. E ci vuole ben poco, credeteci, è sufficiente qualche conoscenza specifica in campo semiologico (qui un esempio recentissimo).
Ogni tanto questo blog (che si avvale anche della competenza di studiosi del settore massmediologico) si diverte a smascherare i tranelli della televisione, fa vedere l'ossatura di un messaggio e come è stato progettato, mette a nudo la strategia comunicativa e ne rivela le finalità. Anche in questo caso vogliamo parlarvi di un metodo poco onesto messo in atto dal regime per colpire tutti gli anarchici.
In merito al lancio dei petardi alla sede della Lega di Gemonio, gli inquirenti, pur non avendo prove concrete, si sono lanciati a capofitto verso la conclusione: si tratta di due persone legate all'ambiente anarchico. Che bravi gli inquirenti, bravissimi, hanno subito scoperto i petardaroli. E ancora più bravi i giornalisti prezzolati che hanno goduto nel diffondere la notizia, a modo loro. Peccato che oggi arriva la notizia secondo cui i sospettati appartengano all'ambiente leghista. Si fanno gli attentati da soli e incolpano gli altri. Mon dieu, che fare adesso? Incolparli? O far dire agli inquirenti 'scusate, ci siamo sbagliati', e dirigere le indagini su altri capri espiatori che devono essere necessariamente anarchici, sennò che gusto c'è? E in che termini la tv diffonderà la notizia? Ridicoli. Ma facciamo finta che quest'ultima notizia non sia mai arrivata e andiamo avanti. Osserviamo questi elementi:
1) allo stato attuale non si possiedono certezze circa l'identità dei due, le indagini si basano -come è stato detto- su elementi di somiglianza desunti dalle telecamere che hanno ripreso due persone incappucciate, gli inquirenti hanno capito tutto dagli atteggiamenti, dal tipo di vestiti. Queste non sono prove. Ma andiamo avanti, perché anche se queste due persone fossero davvero quelle del lancio di petardi, noi vogliamo condurvi ad altre riflessioni.
2) sul muro non è stata trovata la 'A cerchiata', tipica degli anarchici, ma la scritta 'antifa' (antifascismo). Ci pare superfluo ricordare che non sono soltanto gli anarchici ad essere antifascisti.
Ma veniamo al fatto mediatico, al messaggio dato ai cittadini attraverso la tv, e poniamo anche il caso che queste due persone accusate siano proprio quelle del lancio dei petardi e che siano anche due anarchici. In questo caso è importante stare molto attenti al tipo di lessico usato dai giornalisti, alla scelta delle parole, all'ordine dato alle frasi, persino al peso espressivo (Emilio Fede è un campione di 'espressivismo giornalistico') che decreta già un giudizio.
In questo caso specifico, la notizia che tutti i media hanno dato è stata di questo tipo: le due persone appartengono alla galassia degli anarchici. Questa è la frase che più ci interessa. Utilizzando con astuzia la frase 'galassia degli anarchici' il messaggio divulgato non è 'sono stati presi due anarchici', bensì 'tutti gli anarchici sono bombaroli, l'anarchia è una fabbrica di attentatori'. Questo è il sottotesto che la gente a casa ha ricevuto. Ma dobbiamo anche soffermarci sul motivo per cui la gente crede a questo sottotesto. Facile dirlo: da un secolo gli Stati e i governi fanno una propaganda diffamatoria contro l'anarchia, e la percezione comune che si ha dell'anarchia è quindi quella di un movimento violento e bombarolo (niente di più falso, in realtà). Di conseguenza, la gente che non conosce l'anarchismo e il suo ideale, ascoltando la notizia ('i due apartengno alla galassia degli anarchici'), associa facilmente l'azione di due singole persone ad una presunta attività terroristica di tutta l'anarchia. Assolutamente sbagliato, scorretto, falso.
Fateci caso, in tv o sui giornali, quando un poliziotto fracassa il cranio di un ragazzo è sempre quel singolo poliziotto che fa del male, non tutta l'arma. Domanda: sarebbe corretto se i giornalisti, a proposito di uno sbirro che commette violenza, dicessero 'il ragazzo violento in divisa appartiene alla galassia della polizia'? Mai sentito dire dai giornalisti. Quindi due pesi e due misure nella cosiddetta 'informazione'? Sempre! Bisogna saper valutare attentamente le parole che vengono usate dai pennivendoli di regime.
Ci preme allora dire che l'azione del lancio dei petardi, anche se commessa da anarchici, non può riguardare tutti gli anarchici. L'azione anarchica è sempre individuale, per principio (tra parentesi, l'azione anarchica non è MAI volta a colpire cittadini innocenti), è sempre l'espressione di una reazione individuale alla violenza dello Stato. Viceversa, l'azione violenta di un singolo poliziotto è l'espressione violenta di un'intera categoria, poiché, al contrario degli anarchici, i poliziotti appartengono a un corpo ben definito e istituzionalizzato, sono comandati e inquadrati in un sistema in cui gli ordini arrivano dall'alto, esiste un coordinamento e un ordinamento interno, a cui tutti i poliziotti devono sottostare. Strano che quando un poliziotto spacca le ossa a un cittadino tutti si affrettano a dire 'se esiste una colpa, va addossata al singolo poliziotto'. E se provassimo a dire così anche nel caso degli anarchici, come è più corretto che sia?

PS. Da qualche tempo si registra nell'opinione pubblica una crescente presa di coscienza anarchica. Puntualmente lo Stato aumenta la sua propaganda accusatoria nei confronti dell'anarchia. A proposito, in merito ai pacchi bomba recapitati alle ambasciate a firma FAInformale), esiste una chiarissima smentita, diretta, inequivocabile, da parte del gruppo Lotta Rivoluzionaria-Lambros Fountas (chiamato in causa nei volantini della fantomatica FAInformale), una netta smentita che la tv si guarda bene dal divulgare. Chissà perché? Se vuoi leggerla... (QUI).

target="_blank"

target="_blank"

2 commenti:

Shishitsu Nari ha detto...

Beh, ma anche solo la strage di Piazza Fontana.
Ti ricordi chi furono i primi ad essere incolpati? :)

coscienza critica ha detto...

Anche le altre stragi di Stato. E la gente boccalona che crede ancora alla tv.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti