venerdì 4 marzo 2011

Ogni governo è una dittatura

Cos'è una dittatura? Molti risponderebbero 'una forma autoritaria di governo', come se di forme governative ne esistessero di non autoritarie. Purtroppo ogni governo è autoritario, altrimenti non sarebbe un governo. Allora basterebbero le parole di Pierre-Joseph Proudhon per giustificare il titolo di questo post, ma noi vogliamo addentrarci nel discorso, anzitutto per far luce sulla menzogna -una delle tante- secondo cui esisterebbero governi buoni e governi cattivi. Questa differenza la può fare (e la fa) soltanto la propaganda di Stato, alla quale alcuni abboccano.
Quanti anni hai, tu che leggi? Diciamo 35? Senza considerare la Storia che è passata da 3000 anni in qua (sempre la stessa, ma evidentemente non si impara mai dalla Storia), quanti tipi di governo hai subito nei tuoi 35 anni? Sicuramente più di uno. Il verbo subire non è stato scelto a caso, perché non vorrai mica dirmi che tu non ti sia mai lamentato per dei torti subìti da parte di qualsiasi governo -da te vissuto- e che sicuramente avrai persino votato? Di sicuro hai dovuto fare i conti con ben più di qualche ingiustizia, hai dovuto lottare con le autorità costituite (e magari avevi ragione tu, ma... zitto e paga), e ti sei anche incazzato nel leggere che quelli che hai votato se la spassano con tutti i privilegi possibili e tu ti ammazzi di lavoro (se hai la fortuna di avere un lavoro) per pagare il mutuo e cercare di mettere insieme il pranzo con la cena. Hai dovuto accettare con amarezza e sdegno le norme e le leggi che a te sembravano ingiuste e assurde, magari hai litigato allo sportello per l'aumento di qualche tariffa che tu proprio non riesci a comprendere, se non dicendo 'ma sono proprio dei ladri'. Non sono atti autoritari, questi? Eppure hai votato un governo che a te non sembrava una dittatura, speravi persino che il governo da te scelto rimediasse alle cose storte fatte dall'altro governo, quello che secondo te era 'autoritario'. Quanta violenza hai subito dal tuo governo? Sii obiettivo: sei forse diventato ricco con le leggi del tuo governo? Puoi andare liberamente in tv a dire come la pensi, con il tuo governo? Hai gli stessi privilegi dei politici che hai eletto? Non paghi più la tua casa? E le bollette sono mai state meno care con il tuo governo? Hai mai provato a fare un comizio in piazza senza chiedere il permesso alla questura, e dire liberamente tutto quello che davvero vorresti dire? Il tuo governo ha mai sanzionato chi produce smog? No di certo, in compenso si fa pagare da te se sei tu l'inquinatore. Il tuo governo fa grandi affari con i petrolieri (e anche sporchi), ma ti ha mai regalato un pieno di benzina? Hai mai provato, col tuo governo, a trascinare in un tribunale un ministro, ma anche solo un assessore, e sapere di poter persino vincere? Il tuo governo, se vuole, scopre tutto di te, ti fruga e ti perquisisce fino al midollo, ma tu cosa conosci davvero del governo? Puoi frugare nel portafoglio dei tuoi rappresentanti o negli archivi di palazzo? Puoi tassare i parlamentari? Hai mai provato, col tuo governo, a pretendere un lavoro che ti dia davvero dignità e serenità? Il tuo governo ti ha mai ridotto l'orario di lavoro, secondo il principio 'lavorare tutti, lavorare meno'? E i prezzi al consuno te li ha ridotti? Il tuo governo ha mai discusso con te in merito alle decisioni che riguardano anche te? E così diverso il tuo governo da quell'altro?
Ma poi, non senti il controllo costante che viene esercitato su di te da parte del tuo governo e del tuo Stato (di cui esalti persino la bandiera)? Hai provato a decidere tu, con la tua intelligenza e coscienza, ma soprattutto secondo le tue possibilità economiche, quale sia il giusto prezzo del pane e delle altre cose? E quante volte, col tuo governo, hai imprecato e pensato 'sono tutti la stessa merda'? Lo sai che, anche con il tuo governo, potresti benissimo trovarti massacrato di botte in una prigione, randellato nelle manifestazioni, perquisito, schedato anche in questura, magari solo perché quel giorno uno sbirro aveva le sue paturnie e si voleva sfogare? Non è autorità, questa? Ma no, ma no, tu lo chiami 'autoritarismo' e allora va tutto bene, non è successo nulla, e finché non capita a te diresti persino 'se lo è meritato'.
Sii onesto. Hai davvero bisogno di un governo per sapere che potresti far male a qualcuno se vai in giro a picchiare la gente? Oppure desideri che il tuo governo ti punisca ogni volta che tu fai del male agli altri, pur sapendo di far male? Hai bisogno di autorità e di bastoni istituzionali? E a cosa ti servono le punizioni, se non a giustificare (e purificare) la tua cattiveria? Ma tu non sei cattivo, lo sei diventato, ti ci hanno fatto diventare, perché sei nato in questo sistema autoritario. Non hai mai detto, ad esempio, 'in questa vita bisogna sempre sgomitare e lottare per emergere'? E ti pare normale questo? E poi, 'emergere' da che cosa? C'è un errore, invece di 'vita' dovresti dire 'sistema', allora sapresti che emergere vuol dire evitare di mangiare la merda. Ma tu pensi che 'tanto siamo tutti cattivi', e a maggior ragione dovresti chiederti: 'siamo forse diventati più buoni con il governo che ho scelto'? E se, nonostante le leggi di tutti i governi, il problema della 'cattiveria umana' non si è mai risolto, non è forse il caso di chiedersi che forse la causa di tale cattiveria è da ricercare proprio in questo tipo di sistema? O credi davvero che un sistema di leggi, autoritario e gerarchizzato, conduca alla felicità e alla pace? E tu dài ancora la colpa -sbagliando- alla natura dell'Uomo che, secondo una tua ipotesi, è maligna per natura, e così assolvi tutti, anche la tua cattiveria e il tuo amato governo-padrone. Ti basta una frase per lavarti la coscienza, per voltare la faccia, e non ti poni la questione dello stato di cattività in cui ci hanno costretti. Alè, tutti dentro un recinto di leggi e di governi, sempre gli stessi da 3000 anni, tutti autoritari. Sai cosa vuol dire cattività e perché si dice così? Non è che, invece, se fossimo davvero liberi dalle gerarchie (sempre oppressive) saremmo anche più rilassati e fraterni? Te lo sei chiesto mai? O non hai voluto neanche chiedertelo per paura di scoprire la verità? Puoi sempre rimediare.
Ogni governo è dittatura, perché esercita l'autorità gerarchica. C'è la dittatura palese e quella velata, che proprio perché velata è la peggiore. In fondo, qual è la differenza tra un uomo al balcone che comanda e cento uomini in parlamento che comandano? Spessissimo l'uomo al balcone è eletto democraticamente, come anche gli altri cento.

target="_blank"

target="_blank"

target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti