giovedì 27 ottobre 2011

Un sistema aggressivo è un sistema che funziona benissimo

Il sistema statal-capitalista non è fallito nel senso che si è indebolito, anzi, in questi ultimi anni è molto più attivo ed aggressivo. Sta 'tirando' al massimo il suo motore. Noi da sempre siamo la sua benzina. La questione è un'altra, cioè che gli Stati non reggono più il confronto con il buon senso dei popoli che hanno capito il 'come non-funziona'. Detto ciò, è il caso di riflettere e di chiedersi: dobbiamo permettere a chi ci governa di perpetuare il loro modello (magari sotto altre vesti, ma sempre coercitive), o non sia il caso di consegnare ai nostri figli un altro modello di gestione sociale, solidale, come quello pensato a suo tempo da Carlo Pisacane e indicato dai grandi pensatori libertari (annesse prove concrete di anarchia applicata)? Cosa dice Chomsky a riguardo? Chomsky, chi è? Secondo il New York Times è 'il più importante intellettuale vivente'. Noam Chomsky non ha dubbi: l'anarchia è l'unico sistema in grado di soddisfare le esigenze umane, di tutta l'umanità, in un ambiente alfine pacifico fondato sull'autogestione.
Per fortuna, siamo arrivati a un punto storico in cui, di fronte alla domanda di cui sopra, è veramente impossibile andare avanti a forza di 'se' e 'ma'. Di certo, tutti quelli che non hanno un'idea precisa e vera di cosa sia l'anarchia, e che si dondolano nell'unica informazione posseduta (sbagliata), potrebbero ancora inciampare nell'ostacolo culturale e rimanere appiccicati ai loro concetti che sono stati astutamente preconfezionati da qualcun altro (sia intorno all'anarchia, sia riguardo all'idea di Stato come unica e sacra possibilità). Ma a queste persone basta forse un poco di tempo in più per squarciare la crosta del pregiudizio. Ma che sia un lavoro intimo, il loro. A tal proposito, siamo sempre disponibili a fornire suggerimenti e chiarimenti, testi e autori, qualora ce li chiedessero.
Invece ci preme sottolineare come gli indignados di tutto il mondo abbiano rifiutato il modello attuale, senza se e senza ma, non consentendo ai partiti di prendere possesso delle proteste per strumentalizzarle. E' un passo importantissimo, segno di una presa di coscienza globale. La democrazia diretta, altrimenti detta anarchia, non è affatto utopia. L'autogestione e la cooperazione ha fatto andare avanti il mondo fin dai tempi della nascita dell'Uomo, prima che gli Stati fossero imposti e venduti ai nostri avi come sistemi gestionali voluti persino da un ipotetico dio. E' storia. Realtà anarchiche ce ne sono ancora oggi in gran quantità, dimostrano che un altro sistema è possibile e che funziona benissimo, poiché strutturato secondo le vere necessità umane, dalle quali scaturiscono regole comuni fondate sulla morale naturale. Il mutuo appoggio è garanzia di vita e di progresso umano, lo è sempre stato. Speriamo che l'umanità ritrovi presto la dignità e la libertà che le appartengono per diritto naturale.

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

2 commenti:

Daniela ha detto...

Ciao, ogni tanto, leggendovi, mi sento meglio.

coscienza critica ha detto...

Ciao daniela. Felici di esserti d'aiuto in questo senso.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti