giovedì 1 dicembre 2011

Sportello anarchico

La procedura per la costruzione di una società giusta e pacifica passa attraverso una consapevolezza individuale che dovrebbe ormai essere storicizzata da un pezzo: i governi, gli Stati e la Chiesa sono organismi distruttivi e sovrastrutturali. A partire da questo dato, che già oltre 200 anni fa si attestava come una certezza inconfutabile (poi dichiarata apertamente anche alla Prima Internazionale), è doveroso considerare la prospettiva di un cambiamento reale a partire dalle nostre coscienze e quelle dei nostri figli.
Se l'esperienza storica ci insegna che prima della nascita degli Stati le società non conoscevano guerre e ingiustizie sociali, è proprio quella dimensione a-statale che bisogna riconsiderare, oggi più di ieri. D'altra parte, già nel XIX secolo gli intellettuali avevano lanciato l'allarme, prefigurando ciò che sarebbe successo. Ed è successo. Ci siamo dentro, e non ne usciremo se non nel modo indicato proprio da quei grandi pensatori, filosofi, politci, antropologi... (John Ruskin, Pierre-Joseph Proudhon, Lev Tolstoj, Giovanni Pascoli, Michael Bakunin, Pëtr Kropotkin, Emile Gravelle, e mille altri). L'antropologia culturale, da par suo, ma anche gli studi di Erich Fromm, hanno contribuito a far capire che la natura umana è cooperativa -non già malvagia- e che questo istinto alla cooperazione è visibile in tutte quelle società in cui manca uno Stato o un ordinamento a carattere gerarchico. Va da sé che una struttura gerarchica, com'è invece quella statale, non può far altro che produrre ingiustizie, privilegi di casta, sudditanze e crimini. Perciò gli intellettuali insistono su questo aspetto, sottolineando che la vera utopia sia credere ancora che la sostituzione dello Stato con un altro Stato (o un governo con un altro) diventi la soluzione. Non è mai avvenuto. Anche la Storia, ormai, denuncia questa enorme illusione.
Il fatto che la centralità dell'individuo sia l'individuo stesso nella sua singolarità e autonomia è un fatto ormai acclarato anche dalla pedagogia più evoluta. La scienza dell'educazione e della formazione non lascia dubbi su chi debba essere un individuo e su cosa non debba mai diventare. E questa pedagogia affonda le sue radici proprio nelle teorie e nelle pratiche anarchiche.
L'anarchia diventa allora motivo di rilancio di un modello sociale equo, giusto, pacifico, dove ogni individuo è naturalmente proiettato verso il benessere di se stesso e degli altri, per logica conseguenza, per naturale inclinazione e ordinamento. E' evidente che il modello anarchico, con tutte le sue dinamiche e regole, con tutte le sue particolarità e ricchezze metodologiche, non potrà essere compreso facilmente da coloro che hanno fatto delle sovrastrutture propagandistiche di Stato un credo. Se la costruzione di una società a-statale deve passare attraverso l'eliminazione dei pregiudizi e delle sovrastrutture (distruttive, ma alle quali alcune persone sono davvero molto affezionate), cioè dalla considerazione profonda e sincera di quanto detto e fatto dai grandi pensatori, siamo sempre in tempo per conoscere, senza mai abbandonare l'obiettivo finale che, come già dimostrato ampiamente, è sbagliato definire 'utopia': costruire una nuova umanità dove i nostri figli non conosceranno più ingiustizie. Come fare?
Noi del blog 'Italiani Imbecilli' abbiamo deciso di venire incontro alle vostre esigenze di conoscenza. Abbiamo aperto una sorta di sportello dove ognuno di voi potrà chiedere lumi in merito all'anarchia, ai suoi metodi, alle sue pratiche già attuate, alle questioni attinenti che possono suscitare dubbi e interrogativi. Risponderemo alle vostre domande, cercando anche di consigliarvi -se lo richiederete o se in qualche modo necessita- testi e autori specifici, naturalmente nei limiti che ci sono propri, sia di tempo, sia di conoscenza (di intellettuali anarchici ce ne sono una infinità). Ci baseremo sui testi che possediamo e che abbiamo già letto. Si tratta di uno sportello 'ready-made', dove le risposte ai vostri quesiti saranno il frutto di una sintesi formata sulla base dei suddetti testi e sulle pratiche storiche degli anarchici.
Potete inviare le vostre domande al seguente indirizzo elettronico:
italianimbecilli.fan@gmail.com

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

1 commento:

Anonimo ha detto...

Come non approfittarne! Mimmo

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti