domenica 19 febbraio 2012

Cineasti italiani a Berlino

L'attenzione è ancora spostata sul festival di Sanremo e i veri problemi rimangono nascosti. Ma al di là dei problemi, vengono offuscati anche i doverosi approfondimenti in merito al cinema italiano che a Berlino ha visto non soltanto i fratelli Taviani vincere l'Orso d'oro con una pellicola recitata dai detenuti di Rebibbia, ma anche Daniele Vicari con il suo 'Diaz, non pulire questo sangue' che ripercorre le cruente ore del G8 di Genova ai danni dei manifestanti per mano (e manganello) di quelle che vengono definite 'forze dell'ordine'. Quest'ultimo film, a nostro parere (non lo abbiamo ancora visto), è importante per tenere fresca la memoria sulla 'macelleria messicana' e anche sul ricordo di Carlo Giuliani. Complimenti a tutti i cineasti.



target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti