martedì 14 agosto 2012

Dichiarazione finale dell'incontro internazionale degli anarchici a St-Imier

Dopo cinque giorni di discussioni e scambi per ricordare la nostra storia, la nostra lotta contro il futuro e far convergere i nostri sforzi, riaffermiamo il valore delle posizioni e risoluzioni del Congresso di St-Imier che fondano l'anarchismo sociale, permettendo gli sviluppi futuri e assicurando le basi di una unità d'azione sincera tra tutti i settori combattivi e antiburocratici della lotta sociale.
Il congresso di St-Imier si è voluto aperto sulla diversità e la pluralità dei pensieri e delle pratiche del movimento operaio antiburocratico e federalista nella costruzione del nascente movimento libertario.
Il congresso ha rifiutato la forma partitica, gerarchizzata, istituzionale ed elettorale, difesa dalle correnti del socialismo autoritario. Ha combattuto la concezione statalista del cambiamento che intendeva e intende ancora oggi fare della conquista, dell'occupazione dello Stato uno strumento di trasformazione sociale.
Il Congresso ha anche proclamato la sua determinazione nel combattere ogni tipo di organizzazione gerarchica, burocratica, creata per esercitare il comando e suscitare la delega, la sottomissione e l'obbedienza.
A tutto questo il congresso ha opposto la federazione delle organizzazioni operaie e di lotta, come anche la libera iniziativa, il progetto socialista della gestione diretta e di cambiamento sociale, ha proposto la pluralità delle forme di organizzazione di concezione non gerarchica nel movimento operaio, nelle lotte e nel progetto socialista libertario.
Molte lotte, azioni militanti e tentativi rivoluzionari hanno preceduto e seguito il congresso internazionale del 1872. L'anarchismo prende posto in questa storia. Esso costituisce oggi un movimento politico che raggruppa numerose esperienze e risultati comuni a un grande numero di collettivi e di organizzazioni specifiche, sindacali, di lotta sociale e popolare. L'anarchismo contribuisce alla costruzione di un movimento coerente capace di interventi energici ed efficaci che cercano la coerenza tra i mezzi e i fini al fine di cambiare radicalmente la società. Per noi, l'anarchismo alimenta le lotte sociali e si nutre di queste stesse lotte. Porta il suo contributo al movimento popolare di auto-emancipazione e di auto-organizzazione.
Ogni resistenza, ogni lotta, ogni dissidenza, ogni alternativa, si fondano sulla libertà e l'eguaglianza. Ogni lotta sociale apre delle possibilità che noi dobbiamo accompagnare verso la liberazione sociale e politica.
La trasformazione sociale radicale che noi desideriamo e che prepariamo attraverso le nostre azioni non può che risultare dalla nostra volontà, dalla libera determinazione e dalla cosciente mobilitazione delle classi popolari, degli individui, donne e uomini oggi dominati da questo ingiusto sistema.
Siamo in una vera e propria guerra sociale ed economica, dall'intensità mutevole, ma sempre più estesa, più viva, più brutale. Una situazione di insicurezza sociale e di precarietà si sta generalizzando, sta saccheggiando il bene comune, sta distruggendo i servizi pubblici, csta ercando di suscitare la paura, la rassegnazione e la sottomissione, imponendo ovunque il capitalismo. Questa politica è condotta sia dai capitalisti, sia dai governi al loro soldo.
Questi ultimi tentano d'imporre una colonizzazione totale delle nostre condizioni di esistenza, mobilizzando al servizio della riproduzione del sistema ogni nostra attività. Parallelamente, c'è una recrudescenza dei vecchi sistemi di dominio: patriarcato, discriminazione sessuale e di genere, xenofobia, razzismo, schiavitù, sfruttamento. Queste diseguaglianze rinnovate servono a dare vigore al capitalismo e a garantire la riproduzione del sistema.
L'anarchismo denuncia un solo sistema di inquadramento e di dominio che obbedisce ogni giorno che passa a una logica oligarchica. L'anarchismo non sottovaluta in alcun modo gli spazi di libertà individuali e civili, i servizi pubblici e le sporadiche politiche di redistribuzione delle ricchezze, devolute in solidarietà, che sussistono. Gli anarchici intendono difendere ed estendere questi risultati. Ogni progresso è stato ottenuto dalle lotte sociali. La speranza di cambiare la società attraverso la conquista dello Stato è ampiamente dequalificata. La conquista del potere istituzionale, l'integrazione nel potere statale e l'azione governativa, la partecipazione alle elezioni non conducono a niente, non migliorano le condizioni di vita comune, dei diritti politici e sociali. Al contrario, è rifiutando la delega allo Stato che i popoli possono difendere efficacemente i loro interessi e le loro aspirazioni. E' agendo autonomamente, moltiplicando e rafforzando le organizzazioni, riunendo la ricchezza sociale e i mezzi di produzione e di distribuzione, imponendo i bisogni, creando proprie forme di organizzazione e attuando battaglie sul terreno culturale che le classi popolari possono opporsi alla barbarie del sistema, guadagnare in emancipazione e migliorare le loro condizioni di vita.
I partiti di sinistra non appaiono più come forze di progresso e di giustizia sociale. Non difendono più neanche gli obiettivi raggiunti in passato. Al contrario, contribuiscono alla rovina e allo smantellamento delle nostre conquiste sociali. La burocratizzazione del movimento operaio e sociale, la politica della delega orientata verso l'integrazione nelle istituzioni statali, il rifiuto della lotta e l'imposizione della pace sociale ad ogni costo, la sottomissione agli obiettivi, alle strategie, ai valori capitalisti di globalizzazione ci trascinano verso una regressione sociale, politica ed ecologica di enormi dimensioni.
Perciò l'efficacia della lotta e la costruzione di alternative concrete sono legate all'azione diretta popolare, poiché si aggancia alla convinzione che i gruppi sociali devono emanciparsi da se stessi e agire su base federalista e solidale. In questa società di classe, non c'è consenso né compromesso possibile che possa soddisfare l'interesse comune. Noi rivendichiamo chiaramente il dissenso con i poteri. L'azione diretta è portatrice di una proposta aperta e plurale di trasformazione sociale. Questa si declina in una molteplicità di forme di organizzazione e di azioni capaci di federare le resistenze popolari.
Gli anarchici agiscono nel seno dei movimenti di lotta al fine di garantire la loro autonomia, federandole in una prospettiva rivoluzionaria e libertaria, per costruire il potere popolare, verso un'emancipazione economica, politica e sociale.
Il nostro progetto è il comunismo libertario. Rivendichiamo la convergenza delle tradizioni e delle esperienze accumulate in questo senso: comunalismo libero, autogoverno municipale, autogestione, consigli operai e popolari, sindacalismo di base, sindacalismo di lotta e di gestione diretta; libero accordo per la creazione, la sperimentazione, l'associazione, il federalismo (libertario ndt) e le alternative in atto.
Questo vuol dire la costruzione dal basso di un potere popolare diretto, non statale. Noi vogliamo dunque la rottura con il capitalismo. Lottiamo per l'autogestione in una società futura fondata sulla libertà e l'uguaglianza. Questo obiettivo implica forme di organizzazione variegate in tutti i settori della vita sociale ed economica. Un tale orientamento chiama una società auto istituita, uno sviluppo sociale ed economico liberamente scelto. La socializzazione delle foze di produzione e di scambio, e l'autogestione sociale ne costituiscono la forma principale. Un accesso egualitario alle risorse disponibili e rinnovabili e ai mezzi della società sostiene la libera associazione, la sperimentazione economica e di esplorazione nell'organizzazione delle condizioni di vita. L'autogestione è basata sulla libera organizzazione di coloro che lavorano, che consumano, che sono membri della società dopo l'abolizione dello Stato, in un quadro di auto-istituzione politica, di democrazia diretta, e di diritto delle minoranze.
L'anarchismo sociale, l'anarco-sindacalismo e il sindacalismo rivoluzionario, così come il comunismo libertario, difendono un progetto politico fondato su una coerenza tra mezzi e fini, tra azione quotidiana e lotta rivoluzionaria, tra movimenti crescenti di auto-emancipazione e trasformazione sociale radicale. Fin dal 1872, il nostro movimento contribuisce insieme a tante altre donne e uomini liberi ad aprire questo cammino. Il nostro impegno oggi è quello di perseguire il progetto che condurrà i popoli all'azione diretta.

Traduzione: Italiani Imbecilli blog - Fonte: rebellion-osl.ch



target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

1 commento:

orfeo ha detto...

IO GUADAGNO 1400 €. AL
MESE. €.7 ALL'ORA PER 200ORE== 1400 EURI.
IL MIO PADRONE PRENDE DAL MIO LAVORO 50€.ALL'ORA.
50X200= 10.000€ MESE
GIUSTO? MI SEMBRA CHE LA
FRASE "ITALIANI IMBECILLI"
SIA PROPIO APPROPIATA.
SPECIE PER LA CLASSE OPERAIA E IMPEGATIZIA.
CIAO A TUTTI VOI.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti