sabato 22 dicembre 2012

Staccate la spina se volete la luce

'Se cerchi risultati differenti, non fare sempre le stesse cose'; così affermava Einstein quando voleva dire al mondo che le sue scoperte sono derivate dalla messa in discussione dei modelli scientifici secolari e delle convinzioni più radicate. Non fare sempre le stesse cose, altrimenti si ripetono inevitabilmente tutti gli errori e non si progredisce. Logico, no? Ora, immaginiamo un potente organismo di controllo e di diffusione del modello sociale, un organismo capace di nascondere o deviare la conoscenza di altri modelli, ci troveremo di fronte a una massa di governati (popolo) che non ha alcuna possibilità di pensare ad altro all'infuori di quello che già conosce e che viene costantemente propagandato, talmente propagandato che il modello dato in pasto alla massa diventa addirittura dogmatico. Siamo di fronte ad un'umanità storicamente plagiata, che da 3000 anni sbatte la testa alla ricerca della sua originaria libertà, ma che non può, non sa, o non vuole trovare, e le soluzioni che gli sembrano valide, quelle che il sistema gli vende a caro prezzo, risultano vane, fallaci, sono gli errori di sempre, la propaganda di sempre.  
Quando una voce si alza a difesa di una vera soluzione, una voce che propone un modello-altro, l'aspetto dogmatico del paradigma imposto prende il sopravvento nelle coscienze plagiate, e produce nella massa un rifiuto esistenziale verso il modello-altro e anche verso colui che lo propone. I motivi di questo rifiuto sono molteplici, poiché l'inclinazione dogmatica di un pensiero si realizza attraverso l'impiego di molti srtumenti, tutti inerenti alle tecniche di persuasione di massa (non possiamo, qui, elencarle tutte, ma se cercate nel blog trovate tutto). Cosa fare? Qual è il modo migliore per disingannare le coscienze plagiate e liberarle dall'unico modello che conoscono? Le risposte le abbiamo, ma per i motivi sopra descritti sono puntualmente e stoltamente attaccate dai più. Diciamo solo che la massa sta facendo il gioco del sistema, perpetuandolo inconsapevolmente, e quando se ne renderà conto rimpiangerà di aver fatto perdere così tanto tempo alla propria libertà. Poveri figli e nipoti. Quanto tempo ancora?

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti