venerdì 12 aprile 2013

Ore di punta

 Ore di punta. La tragedia si svela ogni giorno. Un esercito di schiavi tutti in fila, attenti a non fare tardi che il dio-produzione non aspetta, il capo non perdona, la sua idiozia si adora e si copia. Dogma della produzione che impila lingotti, gli aguzzini del sistema hanno la bava alla bocca. Vota. Vota. Vota. Fai come sai. Non sai quel che fai. Gloria al pil. Tutti attenti, fottiti se sei stanco, veloci, veloci, stop al semaforo, via andare, il cane morto investito, non c'era tempo, via andare. Robotica della morte. Militarizzazione dell'esistenza. Capitalizzazione delle pseudovite. Hai bisogno di soldi? Ricatto sistemico: prima dammi la vita, poi anche la borsa. Ingranaggi autopoietici. O così o muori? O così o soffri? Me sei già morto! Soffri di ulcera e dài la colpa al figlio. Con che cosa ti curi? Paga, sennò là c'è la fossa. Ecco ciò che rincorri: il plasma in salotto, propaganda della perpetuazione. Cultura mortifica. Maledizione, l'assicurazione scaduta, ma tu sei scaduto nella culla! La tassa sulla tassa, fatture coi canini licantropi, azzeramento delle vere necessità vitali, si elaborano palliativi per ogni cosa, è la legge, 'è la consegna', e sei consegnato, non sei. Ti insegnano cosa dire, come giustificare, cosa fare, come pensare, come non pensare, come accusare, come sperare. Pedagogia per il bravo ragazzo in fila all'ora di punta, stasera si va a puttane, domenica a messa, norma di massa. Automassificazione. Godere di morte. Non fa per me.


target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti