venerdì 7 febbraio 2014

Nessuna democrazia quando è delega e gerarchia

La democrazia non è certo l'idea a cui ci hanno abituati a credere e di cui ci si vanta a destra e a manca. 'Eleggere' non vuol dire 'democrazia', lo dicono anche Spinoza, Rousseau, Montesquieu, ma anche la logica. La democrazia, nel suo vero senso, ha sempre terrorizzato i governanti, anche nell'antica Grecia, e di fatto da questi elusa, traviata, combattuta poiché considerata anarchia per secoli e secoli, e fatta quindi passare come generatrice di disordine e violenza. Oggi ci si riempie la bocca di questa parola ormai svuotata del suo vero senso, si crede persino che gli USA siano davvero una democrazia, nessuno si pone il problema che proprio i padri fondatori della 'democrazia moderna' hanno apertamente dichiarato di essere nemici della democrazia, John Adams lo ha pure scritto.
Ancora alla fine del XVIII secolo, l'aggettivo 'democratico' indicava un ragazzo ribelle in disaccordo con le istituzioni, un sognatore utopista, un irresponsabile, o un anarchico. I regimi sedicenti democratici hanno sfruttato i popoli al pari delle monarchie, continuano a farlo, pur nominando democrazia la loro evidente dittatura. Fin dai tempi antichi, la parola democrazia ha definito sostanzialmente il mondo dei poveri, degli schiavi ribelli, degli sfruttati, e come possono i padroni governanti soccombere di fronte alla ralizzazione di una vera democrazia che, per definizione, non ammette sfruttatori né sfruttati? Così i regimi hanno sempre fatto passare l'idea che l'autogestione, l'autogoverno, essendo appannaggio dei poveri sfruttati, avrebbe creato solo violenza e disordine. Le masse ci hanno creduto perché la propaganda del potere, la scolarizzazione di massa, hanno fatto credere che i poveri, gli schiavi, gli sfruttati, fossero degli ignoranti detentori di passioni animalesche, basse, violente, ecco perché! e al contempo il potere si è fatto percepire come un organismo intelligente e addirittura divino, gestito da superuomini sapienti, aventi quindi diritto di vita e di morte sulla plebaglia animalesca, diritto anche di moralizzarla oltre che di sfruttarla. E in nome di questa presunta superiorità morale hanno compiuto e compiono i crimini più immorali ed efferati.
Ma allora, come possono gli Stati, apertamente nemici della democrazia, definirsi democratici? Com'è che oggi tutto il mondo ci crede? Quando è avvenuto questo scambio di senso della parola? Un fatto tra gli altri: all'inizio dell'Ottocento ci furono delle elezioni in USA e il candidato Andrew Jackson, utilizzando retoriche populiste, si autodefinì 'il democratico' difensore dei poveri. Da quel momento, molti altri candidati, anche in Europa, cominciarono a proclamarsi 'democratici' solo per agguantare consenso e voti, ogni partito cominciò allora a proclamarsi più democratico degli altri, accusando questi altri di essere antidemocratici. Il giochetto continua ancora oggi, tragica cronaca di un inganno millenario.

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

2 commenti:

Koenig m.b. ha detto...

Farlo capire ai muli è più facile di farlo capire alla massa ipnotizzata.
Si svegleranno nel peggiore dei modi, quando all' istante ci si ritroveranno immersi senza via d' uscita dal controllo e dallo schiavismo totalitario.
Per citare un Amico, verrà il giorno che la verità non piacerà neanche agli stolti.
Ciao

Zret ha detto...

Stato è sinonimo di tirannia, comunque esso appaia.

Ciao

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti