lunedì 14 novembre 2016

Referendum: io non scelgo il cappio che mi strozzerà!

Dietro finta istanza democratica del regime, ognuno può ben scegliersi il tipo corda con la quale sarà infallibilmente impiccato. Tale scelta rimane purtroppo un'ammissione grave, significa anzitutto riconoscere le armi del potere e volerle usare per la propria agonia, con le medesime conseguenze anche sugli altri. Io mi rifiuto di scegliermi il cappio, mi rifiuto di scadere nella rassegnazione della logica indegna del 'meno peggio' o della 'merda che puzza di meno'. Dignità anzitutto! La merda è sempre merda! Un cappio è sempre un cappio! Lo Stato è sempre lo Stato! E non sarà quest'ultimo ad impiccarmi, no! perché io lo Stato non lo riconosco, non riconosco i suoi strumenti, non riconosco la sua retorica da vomito borghese ripetuta a pappagallo dai sudditi illusi, non riconosco la sua violenta dittatura mascherata dal nome 'democrazia' e imbellettata da una carta costituzionale: fumo negli occhi, e che fumo tossico! 
Ad impiccarmi saranno perciò i miei fratelli e le mie sorelle, coloro che avranno avallato e legittimato gli strumenti della repubblica borghese, utilizzandoli, riconoscendoli, approvandoli, acclamandoli, nella illusione storica di trovare ancora nello Stato una soluzione, anziché vedervi il problema, come dovrebbero insegnare l'esperienza, la coscienza, e un minimo di ragionamento. Ad impiccarmi saranno tutti quelli che sceglieranno il tipo di cappio anche per me. Lo Stato e i suoi governi vanno aboliti, non legittimati! Viva l'anarchia.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti