martedì 19 dicembre 2017

Strada senza tasse? Quello non è autogoverno, ma un progetto capzioso e violento!

Operazione infame e profondamente disonesta, capziosa, quella della rai che attraverso un format sta mettendo espressamente in difficoltà delle persone di una città per dimostrare che l'autogestione è impossibile e che bisogna dunque prostrarsi allo Stato, fare lo schiavo, e pagare le tasse al padrone. E' molto facile, oltreché idiota, lasciare di colpo gli abitanti di una strada al buio, di sera, e dimostrare così che i servizi del comune servono. Ma che ragionamento è? L'autogestione non significa prendere della gente che non ha neanche la cultura dell'autogestione e, di colpo, farle sprofondare full-time in una dimensione di sofferenza costruita, provocata, e di colpo! 
Chi decide di autogovernarsi, di solito, anzitutto sono persone con lo stesso desiderio di farlo, e poi non partono istantaneamente di notte per farsi del male, ma preparano le cose, mettono prima a punto le competenze, gli strumenti, le strategie... Invece il format televisivo è proprio un progetto infame e disonesto: vogliono dimostrare che l'autogestione non si può fare. Grazie al cazzo! Con quella gente, con quelle condizioni, è bell'e che dimostrato! 
Infatti è già tutto prestabilito, ed è ovvio che sia così, una tv non può mai far vedere che invece l'autogestione è vincente rispetto alla dipendenza schiavista dello Stato! Quello non è nemmeno un reality, è una vera merda, vera violenza e falsità! Il programma si basa sul togliere le tasse agli abitanti di un vicolo di Eboli e vedere se queste persone, che non si conoscono neanche bene tra loro, impreparate culturalmente all'autogestione, trattate dunque come cavie (e già qui!), se la cavano senza i servizi del comune. 
E sbam! Prendi allora queste persone e gli togli la luce immediatamente, di sera, non di giorno, ma di sera, mentre sono per strada. Questa cosa non è autogestione, è pura cattiveria, ma anche qualcosa di veramente ridicolo! Sì perché, tra le altre cose, se mai questa gente dovesse trovare delle soluzioni alternative per vivere, arriva il conduttore Insinna (molto di parte, e si vede) a dire che non possono farlo perché la legge lo vieta. Capito? Quindi, secondo i padroni del format, uno che dovrebbe vivere in autogestione, libero, sarebbe sempre vincolato dalla legge. Ahahahah... E allora che autogestione è? Sapete invece cos'è una vera autogestione, una delle tante autogestioni nel mondo e che funzionano benissimo? Guardate questo esperimento scientifico!
 Attenzione a questi programmi che sono capziosi, pericolosi e striscianti, snobbiamoli, smontiamoli, tendono solo a far credere che la violenza delle istituzioni è necessaria. L'hanno pensata bene: un tempo c'era la strategia della tensione, adesso fanno i reality per fidelizzare meglio la gente allo Stato. Hanno proprio paura, e si vede. L'autogestione non è, e non può mai essere, quello che questo format ci fa vedere! Hanno pure pensato di introdurre artificialmente dei vandali e delle situazioni di estremo disagio. Hanno cioè già calcolato e progettato le condizioni per far fallire la cosa, per far confliggere la gente, senza che questa gente abbia una cultura dell'autogoverno e della solidarietà, dell'unità. 
Gioco molto sporco, questo, come quello che lo Stato ha fatto agli abitanti di Christiania, comunità anarchica di Copenaghen, introducendo espressamente armi e droga per far confliggere le persone in autogestione. Ma a Christiania non ci sono riusciti, perché a Christiania c'è una cultura dell'autogoverno, da noi assolutamente no! Troppo facile e comodo così! Cerchiamo di essere intelligenti più di loro, per una volta, non caschiamo nella loro trappola. 

PS. Il programma è stato già registrato e tagliato, quindi ci fanno vedere e sentire soltanto le immagini e le frasi che vogliono loro, quelle funzionali allo status quo. Insomma, operazione violenta, infame e pure falsa, cioè quello che lo Stato fa (ed è) per sua natura. Che se non fosse per la sua violenza e per la sua menzogna, lo Stato non potrebbe reggersi.


SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti