mercoledì 4 febbraio 2009

Scuola pubblica a pezzi: rimprovero e appello al Partito Democratico

Amici lettori, bloggers, anime salve e da salvare, solo poche parole.
Vorremmo condividere con voi un appello, rivolto ai narcotizzati del PD e che riguarda la Scuola. Amici, ve la ricordate la Scuola? e la cosiddetta 'Onda'? E la 'riforma' Gelmini?
Noi ci ricordiamo tutto, vero? Sembra invece che il PD abbia cancellato la lavagna dei propri impegni e delle proprie promesse.
Dov'è finito il referendum per abrogare la legge Gelmini? Dove sono finite le raccolte-firme? Diceva la Bindi: 'partiamo subito con la raccolta delle firme'. Ma quando? Dove? Il PD aveva anche accusato il governo di non voler dialogare con il mondo della scuola, ma ora è proprio il PD che ignora ed evita qualsiasi confronto con le proprie promesse: è ancora più grave. E' una presa per i fondelli. E' un blaterare al vento!
Allo stato attuale, la legge si è già trasformata in regolamenti, quindi in circolari distribuite in ogni scuola. Risultato? Una marea di cattedre tagliate e di insegnanti che non sanno cosa fare. Alcuni Istituti cercano di trovare escamotages per aggirare la legge-inghippo, altri Istituti si arrendono, muoiono lentamente, agonizzano. Molti alunni che sarebbero dovuti rimanere a scuola anche al pomeriggio, adesso ciondolano per le strade delle città, si rifugiano nelle sale-gioco, nei bar.
E mentre voi dormite sonni beati, signori del PD, qualcun altro non dorme più per colpa vostra. Allora dormite pure, ma che sia un sonno profondo e con il ciuccio in bocca, perché è meglio dormire e non parlare che promettere e non mantenere.

12 commenti:

pia ha detto...

"Nè carne, nè pesce" recita il detto e il PD si sta rendendo tale.
Sembra che i problemi siano solo "notizia", che servano solo per fare clamore, promesse e parole e poi tutto passa in giudicato.
Ci si dimentica che nella vita per farsi delle ragioni bisogna lottare: in "teoria" siamo tutti bravi, ma la pratica, ahimè, langue.
Parole, parole, parole...

Alberto ha detto...

Hanno altro a cui pensare. Pensano sempre ad altro, ma a cosa?

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ pia
E' proprio per colpa di questo lassismo italico che abbiamo certi personaggi in Parlamento e ce li lasciamo!
L'italiano medio è profondamente passivo, il potere lo sa, tranne quando deve insorgere per far rimanere Kakà al Milan.

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Alberto
A farsi ombra da soli, per nascondersi meglio (da noi)

Lucien ha detto...

La Gelmini ha concluso in/degnamente l'opera della Moratti minando la scuola dalle fondamenta, la scuola primaria. Dal prossimo anno niente più compresenze: 4 ore settimanali che servivano per recuperare i più deboli. Rimarrete ignoranti o semianalfabeti. A questo punto ripristiniamo le classi differenziali, abolite nel '77. Le medie e le Superiori lasciamo stare, lo sfacelo è già in atto da tempo. Nei due anni di governo Prodi e company non ci hanno neanche provato a cambiare qualcosa... Fioroni, ma per piacere.

Riverinflood ha detto...

Più che un rimprovero, andrebbero castrati nel cervello. A fin di bene.

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ Lucien
Per non parlare dello scandalo del 5 in condotta che in realtà non si può dare, a meno che non ci sia una sospensione di più di 15 giorni (che non verrà mai data, neanche se uno scolaro uccide il suo compagno). Praticamente la storia del giro di vite sul comportamento è una buffonata.
Nella scuola superiore il dramma andrà a regime nel 2010, ma, come dici tu, non è che adesso stia messa bene. Son d'accordo: Fioroni ci ha messo del suo.

@ Riverinflood
Se avessero un cervello!

novalis ha detto...

Questo ed altri post sulla scuola (ma non solo), letti ultimamente sulla rete e sulla stampa, mi danno l'amara sensazione, per non usare il termine conferma, che ancora una volta subiremo impotenti alla disfatta delle "istituzioni" democratiche. Questa situazione invece di darmi una sferzata propositiva, un "alziamoci e costruiamo", mi fa sentire sempre più un disilluso della società e dei giovani in particolare. Quei giovani su cui dovremo puntare e dar fiducia, ma che è inutile negarlo, molti dei quali credono in valori assai venali. La mia non è una resa o perlomeno non vorrebbe esserla, ho cinquant'anni e una figlia di sedici ed il futuro è più loro che mio, ma poco può rinnovarsi se aspettiamo che siano solo i governi o le sinistre a muoversi per un cambiamento radicale, la vedo assai dura, il cambiamento avviene sempre dal basso e quindi dalle persone, da tutti noi, io per primo...

Adamantia ha detto...

Il lassismo non e un fenomeno italico e anche greco per non dire internazionale. Nessuno reagisce tranne dal suo sofa o con i suoi amici, risultato i politici che ci governano.
Per consolarvi la situazione delle scuole del mio paese e molto peggio.
Buogiorno!

holamotohd ha detto...

Il post è agghiacciante per quanto rispecchia la realtà. Mi associo all'appello rivolto al PD, anche se ho la netta sensazione che per svegliare quei signori ci vorrebbe una cannonata...

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

@ novalis
Hai ragione, a volte ci si lascia prendere dallo sconforto. Ma noi siamo qui a denunciare queste cose, anche per far riflettere sul da farsi.

@ Adamantia
Però in Grecia la rivolta degli studenti è stata davvero imponente. Noi dovremmo imparare a essere più compatti e determinati, come voi, durante le manifestazioni.
Se nella scuola greca si sta peggio, non è un motivo per dire 'mal comune, mezzo gaudio'. Cerchiamo di denunciare, insieme, quello che non va.

@ holamotohd
Non c'è peggior dormiglione di chi non vuol svegliarsi

progvolution ha detto...

l'impressione è di parolai salottieri e impotenti e sempre meno credibili.
Che tristezza
Sussurri obliqui

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti