mercoledì 28 aprile 2010

La profezia di Errico Malatesta sulla rinascita del fascismo

Erano passati solo due giorni dalla firma dell'armistizio e il giornale anarchico 'Umanità Nova' riportava una frase di Errico Malatesta che dimostra quanto egli la sapesse lunga sul fascismo e su come questa infamia per l'umanità non sarebbe morta se allora non ci fossimo subito uniti (tutti) in una Resistenza continua, senza scadere nei litigi interni. Più che un'unione di intenti, in questi decenni abbiamo assistito a una disgregazione delle forze antifasciste, fino a trovare oggi il PD, cioè il lato B del governo.
Riteniamo quelle sue parole davvero profetiche, poiché dopo Salò e dopo la proclamazione della Repubblica il fascismo non ha fatto altro che rigenerarsi di nascosto, lavorando in maniera sotterranea, coperto dalla maschera di un sistema apparentemente democratico, in realtà imperialista. Quel lavoro sotterraneo oggi sta dando i suoi amari frutti e non solo in Italia.
Che siano di monito le parole di Malatesta, per tutte le forze antifasciste di oggi, ingabbiate nei protagonismi, nei solipsismi, nei separatismi, affinché nessun fascismo possa trovare luce nei secoli a venire. Resistenza sempre.
«E' urgente che cessiate le discussioni e le sterili accademie; il nemico che ritenete già vinto osserva le nostre discordie, che sono la sua unica forza, ne trae profitto e si prepara alla sua riscossa, ha i mezzi per farlo. Se noi non dimenticheremo i nostri dissenzi e non ci uniremo subito per batterlo in pieno e definitivamente, dopo sarà troppo tardi». (Errico Malatesta - 10 settembre 1943)

target="_blank"

7 commenti:

pia ha detto...

Indubbiamente profetico.

controcorrente83 ha detto...

il fascismo oggi e' ancora piu pericoloso di quello di anni fa perche' molti hanno pensato alla dittatura. Oggi la gente pensa che sia una democrazia...

coscienza critica ha detto...

Molto giusto, controcorrente. E' proprio così.

Anonimo ha detto...

Posso essere d' accordo su tutto, ma Errico Malatesta, contrariamente a quanto affermi nell' articolo e' morto il 22 Luglio del 1932

coscienza critica ha detto...

Come mai non leggi bene? Problemi di diottrie o di logica? O sindrome da maestrino obnubilato autoritario? C'è scritto che la dichiarazione di Malatesta è riportata da Umanità Nova. Leggi le prime tre righe, se le capisci. O non riesci a collegare logicamente l'inizio e la fine di un articolo? Ora ti dirò di più. Il fatto che tu ti sia preso la briga di fare un commento del genere, senza saper argomentare le dichiarazioni di Malatesta, vuol dire essenzialmente che tu non sei affatto d'accordo su ciò che c'è scritto qui, anzi sei contrarissimo (e contrariato). Perché, sai qual è il senso profondo del tuo intervento? Te lo dico io: quello di andare a individuare un presunto errore altrui (che però l'hai commesso tu) al fine di screditare l'altro. Atteggiamento vile da massificato e pure odioso, scolarizzato come un bambinetto frustrato che cerca di fare apparire il compagno di banco in errore per farsi premiare dalla maestra. Modello fascista. Bisogna anche essere capaci di farli certi giochetti squallidi, magari usando un po' di logica, che vedo latita alla grande in te.

Anonimo ha detto...

fa piacere poter leggere certi articoli. ho imparato molto leggendoli. saluti libertari.

Anonimo ha detto...

Semplicemente stanchezza,mi scuso

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti