venerdì 23 aprile 2010

Niente mensa anche per i bambini di Savona

Non è possibile che le tristi vicende di Adro e di Montecchio Maggiore debbano riguardare soltanto il centrodestra. Occorre dare una possibilità di difesa ai sindaci di questi paesini. E come? Semplice, basta dimostrare che anche il PD sta adottando lo stesso criterio per gli studenti: non paghi, non mangi.
E l'occasione è arrivata. L’assessore ai servizi scolastici di Savona, Isabella Sorgini (nella foto), ha fatto sapere quanto segue: 'Si informa che, come da delibera della giunta comunale, gli utenti che presentano dei bollettini insoluti (da settembre 2007 ad oggi) non potranno essere ammessi alla mensa dell’anno scolastico 2010/2011'.
Adesso sì che il sindaco di Adro potrà difendersi e dire a testa alta: 'vedete? Anche il PD ha capito e sta facendo la stessa cosa a Savona'.
Certo, l'assessore lo aveva annunciato tempo fa, ma che tempismo lanciare questo ultimatum, proprio in questi giorni di polemica su questi atti di feroce ingiustizia. Perché possiamo parlare quanto vogliamo, ma sempre di ingiustizia si tratta nei confronti dei bambini e di quei genitori che non possono mettere insieme il pranzo con la cena.
La logica del pagamento per avere un servizio, rientra nel quadro più ampio di quell'ingiustizia sociale che si chiama in tanti modi: liberismo, capitalismo, imperialismo... cioè forme di economia sociale che creano sperequazioni nella società, divisioni, ingiustizie. Ma lasciando da parte questi discorsi, bisognerà pur far capire che, di fronte all'impossibilità di un cittadino a pagare, dovrebbe intervenire la collettività tutta, dovrebbe esistere una politica sociale capace di tutelare chi si trova in difficoltà. Altrimenti dovremo presto prepararci a pagare anche un ricovero al pronto soccorso.
Allora proponiamo un Servizio sociale nazionale (come il Sevizio sanitario nazionale), in grado di affrontare questi casi e di risolverli alla base. Un servizio nazionale a tutela dei più deboli. Ma questa, ovviamente, è una proposta da pazzi anarchici. Si preferisce propagandare la legalità, facendo credere che questa si ottiene solo se paghi. Ma la legalità dovrebbe essere ben altra cosa, non dovrebbe essere legata al denaro, bensì al senso umano di uguaglianza di ogni cittadino in rapporto agli altri cittadini. Non è legale essere discriminati per una condizione economica.
Invece no, l'assessore Sorgini dice: 'a Savona non succederà mai come in altri comuni che i bambini vengano umiliati con pane e acqua, non vogliamo colpire i bambini ma soltanto quei genitori che pensano di fare i furbi. Abbiamo solo messo delle regole, e intendiamo farle rispettare, ripristinando la legalità'.
Che differenza c'è tra questa politica savonese e quelle liberiste e razziste di Adro e di Montecchio Maggiore? Si parla di regole, ma sono regole economiche, non umane e civili! Quando torneremo ad occuparci di umanità? Vergogna, Sorgini! Vergogna, PD! Vergogna tutto il sistema!

PS - L'assessore Sorgini dice di sè:
'Candidarmi al centro (centro città - ndr) è stata una sfida importante, perchè ci vivo e mi permetterà di conoscere meglio chi vive accanto a me tutti i giorni e spero di poter cogliere le loro preoccupazioni e le loro speranze'.
(fonte)

E ancora:
'credo che gli uomini abbiano la capacità di risollevarsi dopo una crisi economica come dopo una catastrofe naturale e che il volontariato faccia grandi cose, ma credo anche che tutto questo non basti, credo occorra una pubblica amministrazione veramente al servizio del cittadino. ' (fonte)

target="_blank"

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Ieri sera ad Annozero le abbiamo viste queste mammine amorose...persino il giornalista (oh, non mi viene il nome!)era in angustie in quella sala, in anni ed anni di attività non si era mai trovato in una situazione del genere, in mezzo a tanto odio ed a tanta ammirazione per quel sindaco di cui invece dovrebbero vergognarsi.
I bimbi sono innocenti, i poveri se veramente poveri,bisognosi di sostegno...e non di estromissione dalla vitta sociale.Aiuti economici ad Adro sono pervenuti da una missione, da una mis sio ne..ci mancava che mandassero aiuti i terremotati haitiani!
Lo posso dire che mi vergogno di vivere in mezzo a questa "zella" (come dicono a Roma)? Lo vogliamo dire che siamo avviati alla legge della giungla, quando dovremo metterci un coltello tra i denti per difenderci e difendere i bimbi, il futuro del paese?
Per finire..quelle mammine erano incaz...perchè avrebbero voluto anche per loro il sostegno economico del benefattore anonimo....non per soldi ma per danaro...che chiaviche!
Troppe parolacce oggi...mi scuso...ma sono veramente schifata ed anche demoralizzata.
Mietta

Aries 51 ha detto...

Dai primi conati di vomito che, una quindicina di anni or sono, un tal D'Alema, stercoraro cresciuto nel P.C.I. mi ha provocato coi suoi spudorati intrallazzi con mafia e mafiosi ( chi ci vuole leggere Berlusconi è autorizzato a farlo ), non mi chiedo più che differenza ci sia fra politici e amministratori di destra o sinistra. Sarebbe come mettere le mani in un pozzo nero per cercare narcisi.

Pavelin ha detto...

Da Savona:
Io da Savonese, posso dire che quella dell'assessore sia solo una provocazione, e che comunque si sta parlando di gente che non paga da 3 anni, quindi da molto prima iniziasse la crisi che abbiamo sotto gli occhi.
Io personalmente, essendo cassaintegrato e avendo subito un forte calo di retribuzione, con affitto 1 figlio a carico, ho grosse difficoltà a pagare qualsiasi cosa, ma cerco di adempiere ai miei doveri sempre.
Anche se lo faccio con un certo ritardo.
Ma conosco certi Savonesi, ed Italiani di nascita, che per andare la sera a fare i belli in pizzeria con la famiglia e gli amici, sfoggiando la boutique del fighetto di tutto punto, per fare avere addosso l'ultima magliettina firmata anche al figlio.
E girano veramente con macchine costosissime, ma non vogliono pagare mensa, tasse e quant'altro dovrebbero essere felici e obbligati di pagare.
In quanto alle famiglie veramente in difficoltà, e io non faccio nessuna distinzione , di razza, religione ecc., a Savona abbiamo ottimi servizi sociali, basterebbe contattarli, sapete non si perde affatto la faccia, ma bisognerebbe andarci non vestiti all'ultima moda...

coscienza critica ha detto...

Pavelin, non mi risulta difficile credere che quelle persone col macchinone e i vestiti firmati che non pagano la mensa, siano coloro che disprezzano i servizi pubblici. Ne ho conosciute tante persone che, con la puzza sotto il naso e votanti Pdl, snobbano le istituzioni pubbliche (è un vizio comune a quelli del Pdl).
Poi, sempre per esperienza personale, so che in percentuale sono maggiormente i ricchi a trovare difficoltà nel pagare questi servizi, non per mancanza di soldi, ma proprio per indole snob. Probabilmente, quelle persone che tu citi, sono i 'nuovi borghesi' pidiellini.
Per il resto, nel blog facciamo un altro tipo di discorso, cioè diciamo che la legalità non deve essere misurata con l'economia, ma con la giustizia sociale che si ottiene solo quando si dà valore alla persona, non al suo portafoglio.

Anonimo ha detto...

Questi sono degli esempi sui "furbetti" di Adro....
-una famiglia è composta da un operaio in Cig da un anno, una moglie disoccupata e quattro figli di 8, 4, 3 anni e 8 mesi. Canone d’affitto 400 euro mensili, lettera di sfratto sul tavolo, reddito 2009 di 3mila euro..quindi, quattro figli e 3mila euro in un anno

-numero due: operaio interinale, che non può usufruire della Cig, 13mila euro dichiarati nel 2009, coniuge disoccupata, 4 figli di 15, 10, 8 e 4 anni.... quindi, un figlio alle medie, uno alle elementari e uno alla materna, con un mutuo a tasso variabile di 400 euro al mese

-il meno povero di tutti è un operaio che alterna periodi di lavoro a periodi di cassintegrazione, sua moglie è disoccupata, ha tre figli di 8, 5 e 1 anno e un genitore a carico.

Bisognerebbe aver l'accortezza di guardare anche ai vari casi...ed eventualemnte escludere da certi benefit proprio coloro che imbrogliano dichiarando 15.000€ di reddito l'anno mentre ne guadagnano ben di più e potrebbero permettersi di pagare anche il doppio.
E poi i bimbi che c'entrano..che scotto debbono pagare o che vita possono vivere...in esilio perchè poveri?
Mietta

Anonimo ha detto...

Giusto, CC...valore alle persone e giustizia sociale...ma credo che per i leghisti ed anche altri siano concetti obsoleti, li attira solo il profumo (o il lezzo!) dei danè.
Mietta

CIELI BLU ha detto...

Se mio nipote di 7 anni,mi dovesse chiedere un giorno:"zio,cos'è l'ipocrisia?"...gli faccio vedere le foto di questi bei personaggini,che ne sono l'incarnazione!Che tristezza!...

Gregor ha detto...

Buongiorno a tutti
Complimenti ragazzi!
Vi ho scoperto solo ora, ma vi ho già inserito nella mia stringa dei PREFERITI.
Ciao!

Gregor ha detto...

Buongiorno a tutti.
Complimenti ragazzi, vi ho scoperto solo ora, ma ho già provveduto ad inserirvi della mia stringa dei Preferiti.
Ciao a tutti e arrivederci a presto.

coscienza critica ha detto...

Buongiorno a te, Gregor. Grazie di cuore.
Buon 25 aprile.

Gregor ha detto...

Per coscienza critica -
Grazie per il benvenuto.
Per cortesia, mi dai le dritte per inserire il mio avatar?
Ciao e grazie

coscienza critica ha detto...

@ Gregor
Se hai un profilo su blogger, devi impostare il tuo profilo inserendo il tuo avatar, il quale si mostrerà automaticamente tutte le volte che posti i commenti. Insomma, dipende dalle tue impostazioni.

Gregor ha detto...

Credo di avercela fatta!!
Ci risentiamo nel pomeriggio!

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti