mercoledì 24 novembre 2010

Tutti a Roma!

La lotta degli studenti si è posta il giusto obiettivo: il palazzo. E questi non badano alla forma, quanto alla sostanza. La Gelmini lo sa ed è in preda al terrore, ha appena annunciato che i soldi per i ricercatori ci sono. Ma nessuno le crede più. Facciamo in modo di non lasciare soli nella lotta gli studenti.
Precari, disoccupati, immigrati, vessati di ogni sorta, donne non a disposizione, uniamo le forze e diamo man forte ai ragazzi.



target="_blank"

3 commenti:

Dario ha detto...

"Per quanto Voi vi crediate assolti, Siete per sempre Coinvolti!"

http://www.youtube.com/watch?v=G4FOK00NH4Q

Ciao

Dario

Anonimo ha detto...

Finalmente qualcosa si muove!Altro che uova avrebbero dovuto tirare, ma scaricare davanti ai portoni dei "palazzi" un bel po' di munnezza...tal quale a quella che siede dentro a far danni ed ingrassarsi il portafoglio.
Dovremmo ripudiare la violensa, ma in certi casi, e quesro è uno di quelli,è doveroso usarla. Stan lì abbarbicati come l'edera sull'orlo del precipizio, ora dovrebbe mancar poco alla recisione dell'ultimo ramoscello...coraggio ragazzi!
Mietta

Ramingo ha detto...

Se vogliamo che non ci sia sottratto un futuro di dignitosa cittadinanza, per essere sostituito con un eterno presente precario, occorre una concreta solidarietà tra i diversi corpi sociali, perchè il "modello Pomigliano" non è legato solo a quella fabbrica ed ai lavoratori metalmeccanici, ma all'intero tessuto sociale.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti