domenica 2 ottobre 2011

Dai conquistadores agli indignados. Così cambia il mondo

Se consideriamo che la culla del capitalismo è l'America, allora dobbiamo dire che il germe primordiale del capitalismo nel continente americano lo hanno portato i conquistadores spagnoli mezzo millennio fa, complice Colombo e le gerarchie clericali (Reyes Católicos). Ed è curioso constatare che proprio oggi sono gli indignados spagnoli quelli che maggiormente stanno condizionando le varie forme di 'protesta occidentale', anche in USA. Esiste un filo diretto di contatto tra los indignados e il movimento 'Occupy Wall Street'. Sarebbe una bella anti-coincidenza storica il fatto che la Spagna, ieri portatrice dei guai, oggi riesca a liberare l'America (quindi il mondo) dal capitalismo. Come dire, un bell'atto correttivo, come un voler rimediare alla colpa.
E infatti il filo diretto tra Spagna e USA sta diventando giorno per giorno sempre più forte, tanto che il movimento di protesta anticapitalista americano sta prendendo piede anche nelle altre metropoli (Washington, Boston), così come il movimento 15-M in Spagna, dove ormai, riacciufffato il coraggio perduto a causa dell'oppressione statale, gli indignados non ne fanno passare una e protestano tutte le volte che viene commessa un'ingiustizia da parte dello Stato, anche ai danni di una sola persona.
Ma cosa accomuna veramente 15-M e OWS, ma anche gli altri indignati del mondo? Non soltanto le intenzioni, cioè quelle di abbattere il sistema, ma soprattutto il fatto che questi movimenti rifiutano qualsiasi partito o leader. Dicono: 'non ci occorre nessuna bandiera opportunistica con mire autoritarie' (come quelle dei partiti). Questo sarebbe impensabile in Italia, paese di grandi sudditi e di piccoli totem che tutti adorano. Le proteste popolari e la libertà non si delegano a nessuno, ben lo sanno in Spagna e oggi anche in USA, in Francia e altrove.
Finalmente il popolo sta capendo che un capo di partito non potrà mai essere garante di libertà e di giustizia. Da quando è nato lo Stato il popolo non ha mai conosciuto serenità, da quando esistono i governi non c'è mai stata giustizia e pace. Si vuole ignorare anche questa verità storica? Sì, in Italia si ignora anche questa verità, e si continua a delegare. Si dovranno ricredere, e presto, coloro che ancora difendono il sistema gerarchico statale, quelli che pensano che senza un leader non si fa nulla. Chi pensa così dimostra solo un'abnorme inettitudine. Che pena. Ma il mondo cambia. Per fortuna sono numerosi gli esempi di anarchia applicata, al di là della realtà 'senza governo' degli indignados autonomi. E' tempo che tutti aprano gli occhi. Uniamoci alla lotta. Rifiutiamo partiti e governi, partecipiamo tutti al grande cambiamento già in atto.

PS. chi si proclama 'indignato' con una bandiera di partito in mano e con lo Stato nel cuore, non ha nulla a che fare con la vera protesta mondiale, oppure non ha capito nulla.


target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

3 commenti:

Giovanni Pili ha detto...

Vorrei fare una precisazione: per la verità sono gli inglesi ad avercelo portato il capitalismo. Gli spagnoli nelle colonie avevano un sistema schiavile ancora legato allo sfruttamento dei latifondi. Del resto la guerra civile americana non è stata altro che un conflitto tra i capitalisti del nord e gli schiavisti/latifondisti del sud. Da notare anche come l'acquisizione nella prima metà dell'800 dei territori ex-spagnoli abbia accelerato notevolmente la divisione tra questi due sistemi economici... di sfruttamento ad essere precisi.

Qualche mese prima dello scoppio del conflitto tra nord e sud dell'unione, un rappresentante democratico, fece presente che gli operai del nord erano schiavi tanto quanto i neri del sud, solo che questi ultimi almeno avevano vitto e alloggio gratuiti e non conoscevano la disoccupazione.

Inutile precisare che capitalismo e schiavismo sono sullo stesso piano e quindi disgustosi entrambi.

coscienza critica ha detto...

Sì, non ho parlato degli inglesi, ma neppure degli olandesi, perché il mio scopo era quello di andare all'origine del male: colonizzazione e imperialismo da parte del trono di Spagna.

Giovanni Pili ha detto...

Eh, sì, ci sarebbe da scrivere libri su libri.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti