lunedì 12 marzo 2012

La lettera di Tobia Imperato è un grido di vittoria

Tobia Imperato (foto), l'anarchico 'senza aggettivi', il NoTav oggi ai domiciliari, ma fatto arrestare dal giudice Caselli il 26 gennaio 2012 insieme a molte altre persone, è ormai al decimo giorno di sciopero della fame nel totale disinteresse dei cosiddetti giornalisti.
Tobia aveva scritto qualche parola al momento del suo arresto, una lettera brevissima ma molto intensa e significativa. Quelle parole sono le ultime rese al pubblico prima che il procuratore Gian Carlo Caselli ordinasse il silenzio su questo dramma che si sta consumando nel menefreghismo generale dei media. Caselli, contestato ovunque (Palermo, Ventimiglia, Vallecrosia, Sanremo, Milano, Genova...), ha di fatto imposto il silenzio stampa sulla sua serie di ordini di arresto che rappresentano la paura dello Stato nei confronti della verità sul Tav, nei confronti delle persone oneste che lottano contro la mafia in Val di Susa, contro l'abominio di un'opera costosissima e pericolosissima per la salute di tutti e per l'ambiente, e che serve soltanto per l'arricchimento delle lobby affaristiche e speculative. Tobia è anche uno scrittore, il suo libro 'Le scarpe dei suicidi' potete trovarlo in pdf QUI.
La lettera di Tobia Imperato potete leggerla A QUESTO LINK

A Tobia e alle altre persone arrestate va tutta la nostra solidarietà.
Per scrivere a Tobia: anarres@inventati.org

Aggiornamento del 15 aprile 2012: Tobia interrompe lo sciopero della fame al 13° giorno consecutivo. La sua protesta gli ha permesso di riottenere parte della libertà, adesso infatti Tobia può tornare a scrivere lettere e mail, telefonare, ricevere visite. Rimane però ancora negato il diritto di tornare al suo lavoro. Per leggere la sua prima lettera dopo lo sciopero CLICCA QUI

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti