martedì 19 giugno 2012

Sempre più infelici, ma lo chiamano progresso

'...e là, sotto quel cielo stellato, ci godevamo le stelle che brillavano, le stelle che scorrevano, che facevano degli striscioni, si sbriciolavano, e noi ci guardavamo tutto questo movimento delle stelle, ero sempre contento di vedere questi movimenti delle stelle, mi guardavo sempre il cielo stellato. Una volta c'era tanta allegria, che una volta i lavori si facevano tutti a mano, venivano anche altre persone, anche tutti quelli più poveri ad aiutare, ci aiutavano e allora durante la giornata si cantava, si strillava, specialmente alla mietitura del grano, venivano tante ragazze da tutte le parti. Le donne lavoravano tanto, facevano i figli, facevano grandi i figli, perciò le donne si devono rispettare, che la donna lavora più dell'uomo! Adesso è cambiato tutto, che lavorano tutti coi motori, non c'è più quell'allegria' (pastore della Maiella).

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti