martedì 5 maggio 2009

Scuola: appello degli LSU ai bloggers e al MIUR

Amici, nella scuola non ci sono soltanto insegnanti, studenti e personale ATA (segretari, bidelli, tecnici). Esistono anche i cosiddetti LSU (Lavoratori Socialmente Utili) che svolgono mansioni di pulizia e che fanno capo anche a cooperative di lavoratori.
Come sapete, questo blog si occupa anche di scuola ed è perciò che facciamo doveroso seguito a una richiesta inviataci via mail da Maurizio a nome dei 15.000 LSU italiani. Un appello che spero venga accolto.
Personalmente mi auguro che, tra i vari Ministeri che quotidianamente visitano questo blog, ve ne sia almeno uno che si prenda carico di quanto segue. Vero, Mariastella?
Gentilissimo Amministratore,
N
oi siamo 15.000 dipendenti in servizio nelle Scuole Statali di tutta Italia con mansioni di pulizia, solo in Campania 6000 dipendenti. Nasciamo come Lavoratori Socialmente Utili da progetti Comunali , Regionali e Provinciali . Per più di cinque anni ci hanno utilizzato per sopperire alla mancanza del personale ATA. Si svolgeva quindi lo stesso lavoro degli ATA, con un'unica differenza ,noi percepivamo 800.000 lire al mese ,loro 1200.000 lire al mese, e come se non bastasse le 800.000 lire ci arrivavano a casa sotto voce di sussidio e non di stipendio , con contributi figurativi,al danno la beffa.

F
inalmente il 01-07-2001, grazie al governo reggente di quel periodo, fummo assunti a tempo indeterminato da ditte private per svolgere il servizio di pulizia nelle scuole, l’ operazione fu denominata STABILIZZAZIONE degli LSU, ma di fatto viviamo da allora una situazione di estrema precarietà legata ai vari passaggi di cantiere fra le ditte che si succedono e agli stanziamenti da parte dei Governi e delle Leggi Finanziarie che tutte le volte dimenticano di prevedere i finanziamenti per il prosieguo della nostra attività.

P
roprio in questi ultimi mesi siamo stati tutti a rischio licenziamento per mancato stanziamento dei fondi da parte del Governo e, nel tentativo di riuscire a porre l’attenzione della politica anche su di noi, sono arrivato anche a Lei.

I
n tutta Italia come ho già detto siamo circa 15.000 persone che vivono questa situazione, il nostro fine attualmente è quello di essere stabilizzati alle dipendenze del MIUR come personale ATA. A tal proposito il sottosegretario del MIUR Dott. Giuseppe Pizza, il 9 marzo scorso ha riferito ai sindacati la volontà di aprire una serie di confronti e di trattative tra le parti dirette a questo scopo (un tavolo tecnico). Ma nel 2003, alla proposta del governo di applicazione della legge 144/99 art.45 comma 8 che riservava il 30% dei posti vacanti ATA agli Lsu, SI OPPOSERO proprio i sindacati che ci rappresentano. Come possiamo, perciò, affidare ai sindacati la risoluzione della nostra problematica? Il 26/3/2009 è comparso su più agenzie giornalistiche (fra cui Apcom e Tuttoscuola) un intervista del ministro Gelmini che dichiarava che negli emendamenti alla Conversione in legge del cosiddetto “decreto legge incentivi” del Governo approvati dalle Commissioni VI Finanze e X Attività Produttive ve ne era uno, il 7 bis, con il quale venivano stanziati 400 milioni di euro per interventi urgenti e indifferibili nel settore dell’istruzione e affermava che tali risorse erano destinate all’assunzione degli LSU nella scuola. Non è però chiaro se si tratta di tutti gli ex LSU impiegati attualmente nelle scuole o soltanto degli ex LSU con contratto di co.co.co.
a tempo determinato (precari), oppure, come pensiamo che sia, si è solo previsto il rifinanziamento dell’ anno 2009 degli appalti con le cooperative.
N
oi speriamo che il decreto riguardi l’ assunzione di tutti gli ex LSU, altrimenti saremo ancora costretti a vivere con l’ansia di perdere il lavoro ad ogni cambiamento di Governo o ad ogni eventuale crisi futura.

C
arissimo Amministratore, noi non siamo ne politici ne esperti in economia ma crediamo che la soluzione,anche in virtù di quanto ha dichiarato il MIUR (riconoscendo il nostro operato all’interno delle scuole indispensabile) ,sia a portata di mano.

C
i siamo permessi di fare i conti in tasca allo Stato e ci siamo resi conto che le ditte per cui lavoriamo percepiscono in toto 420.000.000 di euro annui, per 15.000 ex lsu in tutta Italia, ebbene secondo i nostri calcoli se ci assumesse direttamente il MIUR come personale ATA , lo Stato risparmierebbe circa 200.000.000 di euro e in un periodo come questo che attualmente viviamo, dove si invoca al risparmio nel nome di una crisi internazionale, sarebbe un controsenso non assumerci. Lo sperpero di denaro pubblico a vantaggio delle Ditte che ci gestiscono è stato denunciato persino dalla trasmissione di REPORTdel 19-aprile-2009 (link) in onda su RAI 3.

S
pero di non disturbarla troppo e che Lei possa dedicare un po’ di tempo alla nostra questione e che ci aiuti a divulgare la nostra problematica. Il dott. Luigi Morsello (blog 'Il Giornalieri' ndr) ci ha gia’ fatto l’onore di aderire al nostro blog e di segnalarci sul suo blog alla voce: blog da lui seguiti. Speranzoso che questa mia possa fare, grazie a lei, il giro dei blog da lei frequentati, le porgo, anche a nome dei miei colleghi, cordiali saluti.

Maurizio
Blog di categoria

6 commenti:

Le Favà ha detto...

Non passa giorno che si conoscano cose nuove...Insomma, siamo messi leggermente male. E leggermente è un eufemismo per non dire che siamo presi a badilate.

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

In ogni settore lavorativo esistono magagne più o meno gravi, ma tutte dipendenti dal malgoverno di questo Paese.

BEPPE ha detto...

SALVE ANCHE IO SONO UN EX LSU FINITO NELLE COOPERATIVE VI LASCIO IL MIO CONTATTO MSN PINOIMPERATORE@HOTMAIL.IT

coscienza critica ha detto...

@ BEPPE
Ciao, Beppe. Benvenuto qui. Sai bene che la scuola è un mondo vivo, attivo, produttivo. Qualcuno sta tentando di distruggere questo mondo che è garanzia del nostro futuro. Anche voi contribuite attivamente allo sviluppo della Scuola. Mi auguro che la scuola pubblica italiana venga presto rimessa sui giusti binari, consentendo anche a voi di lavorare con la dovuta dignità.

mocetor ha detto...

SONO UN LSU E DA 16 ANNI CHE SONO UN PRECARIO. DOPO TUTTO QUESTO TEMPO,SIAMO STATI DEFINITI "OPERAI FANTASMI".
I SINDACATI CONFEDERALI ASSIEME ALLE COOP E I POLITICI, SI SONO INGRASSATI SULLE NOSTRE SPALLE.
ED ADESSO SIAMO IN MEZZO AL MARE, DELLA BUROCRAZIA E DELLA POLITICA SINDACALISTA.
CHIUNQUE POSSA AIUTARCI ,LO FACCIA PRIMA CHE LA NOSTRA SITUAZIONE POSSA DEGENERARE IN UNA RIVOLUZIONE OPERAIA, DI CUI NON SI SA L'EVOLVERSI DELLA SITUAZIONE.

coscienza critica ha detto...

@ mocetor
A Gela (CL) sono stati assunti degli lsu con contratto a tempo indeterminato, ma sappiamo che la vostra situazione è grave. So anche che molte associazioni o gruppi, si organizzano in scioperi e proteste. Noi pensiamo che voi dobbiate unirvi a tutti gli altri scioperanti, ai docenti precari, agli operai... fare TUTTI un gruppo. Solo uniti possiamo vincere. Le rivoluzioni non si fanno da soli.
Abbi cura di te.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti