venerdì 30 ottobre 2009

I macellai dello Stato (elenco vittime dal 1960)

Quanti morti per mano dello Stato? Quanta violenza ogni giorno per mano delle istituzioni 'democratiche'? Molti di questi morti ammazzati hanno perso la vita per rivendicare i loro e i nostri diritti, per difenderli, anche a nome di tutti.

Federico Aldrovandi
Giovanni Ardizzone
Aldo Bianzino
Rodolfo Boschi
Pietro Bruno
Bernardino BudroniAngelo Campanella
Andrea Cangitano
Mario Castellano
Giuseppe Casu
Domenico Centola
Angelo Cerrai
Fabrizio Ceruso
Carmine Citro
Gennaro Costantino
Domenico Criscuolo
Stefano Cucchi
Giancarlo Del Padrone
Alberto Di Cori
Lauro Farioli
Massimiliano Ferretti
Roberto Franceschi
Ovidio Franchi
Vittorio Giua
Carlo Giuliani
Pietro Maria Greco
Michele Guaresi
Vincenzo Illuminati
Carmelo Jaconis
Rosa La Barbera
Bruno Labate
Marcello Lonzi
Francesco Lorusso
Giuseppe Malleo
 Anna Maria Mantini
Mario Marotta
Giorgiana Masi
Luigi Mastrogiacomo
Tonino Miccichè
Maria Minci
Vincenzo Napoli
Salvatore Novembre
Cesare Pardini
Giuseppe Pinelli
Riccardo Rasman
Laura Rendina
Teresa Ricciardi
Luca Rossi
Saverio Saltarelli
Mario Salvi
Gabriele Sandri
Mario Savoldi
Giuseppe Scibilia
Franco Serantini
Marino Serri
Angelo Sigona
Giuseppe Tavecchio
Afro Tondelli
Maurizio Tortorici
Giuseppe Uva
Claudio Varalli
Francesco Vella
Giannino Zibecchi
A questi si aggiungono i morti ammazzati di cui non si sa nulla, i morti sul lavoro, e tutti quelli che si suicidano per oppressione di Stato.
Per leggere l'elenco delle vittime uccise dalle forze del disordine a partire dal 1943 VEDI QUI

A loro va il nostro pensiero e, alle rispettive famiglie, l'abbraccio più solidale e sincero.

Leggete cosa lo Stato intende per 'forze dell'ordine': clicca qui

target="_blank"

10 commenti:

yellow ha detto...

Bravo c.c. !
Siamo un paese immorale e indegno con i soliti sfruttatori ed i soliti sfruttati.

Zret ha detto...

Apparirò utopico o eccessivo, ma come ho scritto:

Qui non si tratta più di distinguere tra fedeli servitori dello stato e "mele marce" all'interno delle forze dell'ordine. Le forze dell'ordine, considerata la loro natura irredimibilmente oppressiva, nonostante l'integrità di alcuni carabinieri ed agenti, debbono essere sciolte e subito. Allo stesso modo debbono essere sciolti tutti gli eserciti e rigettati in toto, senza appello, i poteri coercitivi dello stato.

Ciao

Vespasiano ha detto...

Sono sicurissimo che se ti arrestano per terrorismo,mafia,camorra,bancarotte varie NON TI TORCONO UN CAPELLO!
Per 20 gr di erba questo sfortunato ragazzo è finito all'obitorio dopo chissà quali sofferenze.
Ma quando cazzo si sveglia questo pseudo popolo di ruffiani e leccaculisti?
Coscienza critica non potevi trovare un nome piu' adatto per il blog!

Vespasiano ha detto...

A sostegno di quanto ho scritto sopra risulta che nelle carceri italiane dall'inizio dell'anno siano morte 149 persone,ebbene NESSUN mafioso o camorrista fa' parte di quella lista.
Vomitevoli le dichiarazioni dei ministri La Russa e Alfano ci prendono per fessi.
Desidero esprimere il mio piu' profondo cordoglio alla famiglia Cucchi.

Anonimo ha detto...

Hai dimenticato di inserire nella lista Gabriele Sandri...

coscienza critica ha detto...

Grazie della segnalazione.

Anonimo ha detto...

non leggo il nome Giuseppe Uva nella lista...

coscienza critica ha detto...

Grazie della segnalazione.

Anonimo ha detto...

8 luglio
Uccisione di Anna Maria Mantini

coscienza critica ha detto...

Grazie per Anna Maria Mantini

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti