domenica 23 maggio 2010

Nasce il sindacato USB ed ecco già le iniziative

L'Unione Sindacale di Base è il sindacato che nasce in un periodo storico critico per l'Italia. Si tratta di una confederazione indipendente ed è stata presentata stamattina al Teatro Capranica di Roma. Ci sono voluti due anni di gestazione, ma adesso l'USB conta già migliaia di delegati che hanno anche il supporto di alcuni partiti di sinistra (Rete dei Comunisti, PCL, Sinistra Critica, Comunisti-Sinistra Popolare, ecc).
Ci sembra una buona notizia in un quadro sociale malridotto quale è il nostro, dove è la censura che impera, più che la tutela dei diritti dei lavoratori. Nell'epoca dei lodi e degli editti bulgari, dove la stampa è assediata e la tv già presa al lazo dal regime, la nascita di un sindacato sembra quasi un miracolo, al di là dell'aspetto economico che, inevitabilmente, graverà in una certa misura sull'economia pubblica (ma forse è meglio pagare un sindacato, piuttosto che case, aerei e optionals di varia natura ai despoti).
C'è anche un altro motivo per cui siamo relativamente felici di dare questa notizia: l'USB, da quanto abbiamo percepito, vuole rimanere collegata alla linea di lotta proposta dai sindacati greci ed è anche per questo motivo che il nuovo sindacato ha assunto già alcuni impegni a brevissimo termine. Eccoli:
- 28 maggio - giornata di mobilitazione nazionale del Pubblico Impiego
- 5 giugno - manifestazione nazionale a Roma contro la manovra economica e l'attacco ai diritti dei lavoratori;
- 7 e 8 giugno - scioperi regionali della Scuola;
- 8 giugno - sciopero nazionale dei Lsu, cassintegrati e lavoratori in mobilità;
- 11 giugno - sciopero generale dei Trasporti;
- 14 giugno - sciopero generale del Pubblico Impiego.



AGGIORNAMENTO DEL 29 AGOSTO 2011
Tutte queste belle parole, a questo punto, vanno rivisitate e corrette, dal momento che ciò che l'USB ha fatto a una sua iscritta è a dir poco deplorevole. D'altra parte dovevamo aspettarcelo, là dove c'è gerarchia... LEGGI QUI.

target="_blank"

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Anche fra i sindacalisti si nascondono persone che guadagnano vendendo il lavoro degli altri, aiutando i padroni a vendere, licenziare e delocalizzare in cambio di favori personali. Magari una volta erano pure dei compagni coraggiosi, e oggi sono caporali legali.Oppure gestiscono il "personale" in qualche azienda con il loro piccolo carisma, che a noi italiani ci piace sempre tanto.
Io non mi fido a priori di centinaia di delegati spuntati come le margherite, senza una condivisione con i precari, o i disoccupati, come me oggi.
Per me l'usb rimane una cosa molto più piccola e concreta, se uno sceglie questa sigla o vive sulle nuvole o non gliene frega niente ...o forse è semplicemente stupido, in ogni caso, ho cose più urgenti da affrontare, a cominciare dal lavoro.

Certo che i sindacalisti non stanno godendo di una grande fama, viste le condizioni in cui un po' tutti si lavora oggi. Però non ho tempo, né voglia, di aiutarli a riciclarsi attraverso nuove sigle inventate allo scopo di sembrare attuali con una mentalità evidentemente vecchia e sputtanata dalla storia recente.

An mi

Anonimo ha detto...

Mi sembra che non sappiano neanche scrivere la parola ugualianza, a differenza dello speaker che la pronuncia correttamente e professionalmente ... c'è un senso simbolico in ciò, secondo me: ormai tutto è ridotto al cercare di far circolare qualche euro. Se sei uno importante non hai più nessun amico che sappia correggerti, ma solo dei "parassiti" intorno che cercano di perpetuare il loro posto di lavoro. Al di là del bene e del male, o al di là della conoscenza o dell'ignoranza.

an mi

Anonimo ha detto...

L'usb non è nato a maggio 2010, ma da decenni è presente nelle sigle sindacli che si sono unite: rdb, sdl etc. Chi scrive qui commenti non conosce questo sindacato , un sindacato conflittuale e mai convivaile: sono quelli sui tetti, l'ultima resistenza dell'alitalia o della fiat. Prima di scrivere scemenze sarebbe opportuno documentarsi

Anonimo ha detto...

mi dispiace per voi ma avete come referendo sindacale dele scuole di pompei un certo demartino mihele che prima svolceva il compito di responzabile anzientale si e venduti i loro compagli di lavoro e adesso vuol fare il sintacalista cacialelo dalA SEDE PRIMA CHE VI ROVINA.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti