mercoledì 1 giugno 2011

'Italiani Imbecilli' selezionato per il miglior blog dell'anno (Premio Ischia)

Un'équipe di giornalisti ci ha selezionati per partecipare al 32° Premio Ischia Internazionale di Giornalismo (3° anno del Premio Ischia Social network) che onora i 17 migliori blog distinti per contenuti e per tempestività nella diffusione delle notizie, ma anche per l'attendibilità, l'indipendenza dai partiti e per l'interesse da parte dei maggiori sistemi di aggregazione (Liquida, Wikio, BlogBabel...). Lo apprendiamo direttamente dal sito premioischia. Naturalmente ringraziamo quelle anime savie che evidentemente quel giorno hanno alzato un po' troppo il gomito. In verità ci sentiamo già premiati, dal momento che 'Italiani Imbecilli' è stato affiancato a nomi altisonanti del web, come Il Fatto Quotidiano, Agoravox, Valigia blu, Giornalettismo... (lista).
I giornalisti, per la loro scelta, si sono orientati soprattutto sulla base del nostro articolo relativo all'indagine semiologica dello spot nucleare, dove smascheravamo la propaganda occulta di Chicco Testa & C., rivelando e confutando, punto per punto, le anomalie di quello spot televisivo. Seguì la nostra denuncia all'Antitrust, poi allo IAP, e il conseguente oscuramento dello spot deciso dal Giurì. Oh yes!
Non ci aspettiamo di vincere il primo premio, nessuno premierebbe un blog anarchico, così, per 'partito preso' (eh eh). E poi... ma ci vedete noi... da sempre accuratamente senza volto... apparire di persona ad una premiazione, dando il nostro profilo migliore in pasto ai fotografi? E la cosa ci fa un po' sorridere, dal momento che il prestigioso premio è patrocinato dal governo italiano e dal ministero della gioventù. Ma se volete sceglierci tra i blog in lizza non possiamo certo impedirvelo, c'è da CLICCARE QUI e selezionare il nostro articolo contro lo spot nucleare. Grazie a tutti e occhio al fegato!

I 'responsabili incoscienti', coordinati da Cristina Sivieri Tagliabue:

Lorenzo Viscanti (WIKIO), Andrea Santagata (LIQUIDA E BLOGBABEL), Roberta Cocco (MICROSOFT), Massimo Sebastiani (ANSA.IT), Alessia Lautone (ADN KRONOS.IT), Paolo Rastelli (CORRIERE.IT), Anna Masera (LASTAMPA.IT), Daniele Bellasio (ILSOLE24ORE.IT), Giuseppe Smorto (REPUBBLICA.IT), Peter Gomez (ILFATTOQUOTIDIANO.IT), Marcello Foa (ILGIORNALE.IT), Maurizio Crippa (ILFOGLIO.IT), Piero Santanastaso (ILMESSAGGERO.IT), Cesare Buquicchio (UNITA.IT), Marco Pratellesi (VANITYFAIT.IT).

L'articolo de l'Unità.

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

14 commenti:

Angelo ha detto...

Congratulations! Fatto ;-)

coscienza critica ha detto...

Tante grazie, Angelo.

Cirano ha detto...

Letto....e votato!!!! W l'Anarchia!!!

Anonimo ha detto...

ah ah ah! Così finalmente vi vedremo quando andrete a ritirare il prestigioso premio...
Congratulazioni e in bocca al lupo!
dani

egill-larosabianca. ha detto...

Condivido la vostra soddisfazione-
Egill

coscienza critica ha detto...

Grazie a tutti, il merito è anche vostro.

yellow ha detto...

Miglior blog di tutti i tempi........COMPLIMENTI !

coscienza critica ha detto...

Grazie, Yellow :-)

Anonimo ha detto...

non poteva non essere..votato l'ottimo coscienza critica (è un contrappasso?)un abbraccio anarchico
federica

coscienza critica ha detto...

Grazie, federica :-)

TdQ ha detto...

Ecco, vi ho votati.
Fino a qualche mese fa avrei votato il FQ ma da quando applicano una censura immotivata e ripetuta sui commenti, sulle idee, mi hanno deluso parecchio.
Ci avete fatto caso? Provate a Googlare un po'

coscienza critica ha detto...

Grazie anche a te, TdQ :-)

Anonimo ha detto...

Complimenti a voi e a tutti coloro
che comprendono che le battaglie
si fanno informando e non raccontando
barzellette.Adesso però è l'ora di
trasformare la rabbia e l'indignazione verso chi da decenni
ci rovina la vita materialmente e
moralmente in azione.Disobbediamo,
organizziamoci,diventiamo tanti,
provenienti da tante origini
sociali e politiche,adesso uniti
e pronti a tutto per cambiare veramente e tornare a vivere,
non a sopravvivere!
A proposito di 5.000 anni di A:
ricordate gli indiani Hopi di
Geronimo?Leggete America di (sic)
Enzo Biagi,e scoprirete che le
società anarchiche vivevano anche
negli stramaledetti States.
StefanoA

coscienza critica ha detto...

Stefano, hai ragione. Si viveva in anarchia anche nell'america del nord. L'Uomo nasce libero.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti