giovedì 20 agosto 2009

INVALSI, Aprea e Gelmini all'attacco degli insegnanti

Il 5 luglio 2009 scrivevamo un post, in cui si denunciava il vero scopo dell'INVALSI, tenuto ben nascosto dietro la scusa della valutazione nazionale dello Studente. Avevamo ragione: la valutazione dello studente era una bufala, una scusa, praticamente un cavallo di troia; all'interno del cavallo si sono tenute nascoste le vere armi per distruggere la scuola pubblica e ora, una volta fatto entrare l'equino in tutte le scuole, la pancia dello stesso sta pericolosamente aprendosi. Vediamo quali armi ci sono al suo interno per distruggere la figura del docente della scuola pubblica italiana.
Il piano scriteriato della Gelmini va considerato nell'àmbito di una strettissima relazione tra la proposta di legge Aprea e il vero ruolo dell'INVALSI. Queste tre entità non vanno mai disgiunte, poiché ognuna di esse potenzia le finalità distruttive delle altre.
Diciamo subito che alcuni punti del testo della legge Aprea, discussa il 16 luglio scorso, sono stati cambiati rispetto alla prima stesura, ma i cambiamenti avvenuti sono tutti di facciata e NON modificano l'intenzione criminale iniziale.

Professore, addio!
Se la 'riforma' Gelmini è stata pensata sostanzialmente per eliminare moltissimi posti di lavoro, quindi per ridurre le spese destinate alla scuola pubblica, adesso l'INVALSI e l'Aprea pongono l'obiettivo di rendere la scuola pubblica un luogo in cui non sarà più la conoscenza degli studenti ad essere valutata, bensì la produttività gli insegnanti, ponendoli in una condizione in cui la sacrosanta libertà all'insegnamento verrà meno, insieme a tutte le altre prerogative proprie dell'insegnante e che hanno reso la nostra scuola una delle migliori al mondo (fino ad almeno dieci anni fa).
Ogni docente sarà ricattabile e licenziabile, poiché verrà posto sotto il giogo di decisioni arbitrarie piovute dall'alto e persino dall'esterno, classificato in fasce di merito (leggasi di demerito) e verrà valutato non in base a un merito proprio e oggettivo (titoli di studio, cultura personale...), ma, come dicevamo, secondo la sua produttività. Questo vuol dire che un docente, per dimostrare la propria produttività e non finire in mezzo a una strada, dovrà necessariamente assegnare voti alti anche agli studenti che non li meritano (gli studenti che non hanno voglia di studiare, possono dormire tranquilli). Ricordiamo che anche gli istituti scolastici verranno classificati in fasce di merito (in base al computo dei voti degli alunni tradotti in media) e saranno inseriti in graduatorie (ranking). La posizione in graduatoria stabilirà la bontà di una scuola e del suo insegnamento. Ciò fa chiaramente presupporre e intuire le posizioni che ogni preside dovrà assumere nei confronti del docente che, legittimamente, valuterà non proprio bene il lavoro di qualche suo alunno (ogni docente sarà monitorato accuratamente, così come ogni singolo voto dato ad ogni singolo alunno, in ogni singola prova).

Collegio Docenti, addio!
Nelle scuole, oggi, esiste uno strumento decisionale in mano ai docenti che si chiama Collegio dei Docenti, in cui vengono votate e deliberate le decisioni preventivamente discusse in un clima democratico. E' in questa sede che una decisione del capo d'istituto può essere promossa o bocciata. Ebbene, il Collegio dei Docenti non esisterà più! Al suo posto ci saranno i Consigli di Dipartimento, quindi organi che frantumeranno l'unità collegiale dei docenti, cioè la loro forza.

Scuola pubblica, addio!
Nella Scuola entreranno i privati, in ragione e in misura dei loro finanziamenti. I docenti non avranno più modo di progettare il POF (Piano dell'Offerta Formativa), poiché saranno le aziende a decidere cosa (e come) insegnare. Da qui si vede come il progetto sia incentrato esclusivamente allo smantellamento dell'elemento docente.
A sostituire il tradizionale Consiglio di Istituto ci sarà un vero e proprio Consiglio di Amministrazione (Che è stato cambiato in Consiglio di Indirizzo, per rendere meno indigesto il nome) composto anche da membri esterni alla scuola -che potranno addirittura presiederlo- e che naturalmente avrà potere decisionale e legislativo.

In sostanza, le principali differenze tra prima e seconda stesura della Proposta di Legge Aprea sono tre:
1) Le scuole non si trasformeranno direttamente in fondazioni, ma potranno 'promuovere o partecipare alla costituzione di fondazioni e consorzi finalizzati al sostegno della loro attività' (art. 2, c. 1).
2) Questa possibilità non riguarderà più tutti gli ordini di scuola, ma solo 'Le istituzioni scolastiche d’istruzione secondaria superiore, singolarmente o in rete' (art. 2, c. 1).
3) Viene abolito il Collegio Docenti e sostituito con i Consigli di Dipartimento (art. 3, c. 1 e art. 7).
Restano sostanzialmente uguali (con leggere modifiche):
1) Il Consiglio di Amministrazione (che cambia nome in Consiglio di Indirizzo) (art. 5).
2) I Nuclei di Valutazione (art. 10)
3) L’espulsione degli ATA dal Consiglio di Indirizzo
4) L’impianto e le finalità generali della legge (tutto il CAPO I).

In tutto questo l'INVALSI gioca un ruolo fondamentale, attraverso un capillare controllo su tutto il territorio nazionale. (Il testo scritto per l'INVALSI dai professori Daniele Checchi, Andrea Ichino e Giorgio Vittadini, illustra chiaramente le modalità di smantellamento della scuola pubblica e lo svilimento del ruolo del docente. Per leggerne alcuni passi andate al nostro post).
Ci chiediamo come mai i docenti, negli anni passati. non si siano mai accorti -o quantomeno insospettiti- del ruolo di questo INVALSI che, candidamente e ipocritamente, prometteva valutazioni degli alunni e statistiche nazionali. Dietro la faccia d'angelo, il mostro!

La PDL N° 953 (Aprea)
Il documento INVALSI (dei professori Daniele Checchi, Andrea Ichino e Giorgio Vittadini)
Il documento riassuntivo dei Cobas (Pdf)

Tabella riassuntiva dei tagli al personale della scuola, regione per regione
(clicca sull'immagine per ingrandire)


Post ripreso e rilanciato anche da:
Gilda Venezia
Territorioscuola


target="_blank"

2 commenti:

Lucien ha detto...

Che l'Invalsi si stesse trasformando in uno strumento per valutare le scuole si era intuito fin dall'inizio. L'esito statistico delle prove proposte non è mai stato attendibile, perchè una buona percentuale di docenti (subodorando il vero fine) ha aggiustato i risultati o ha semplicemente aiutato gli studenti a risolverle.
Diversi si sono anche rifiutati di farle, in accordo anche con i genitori. Questi dell'Invalsi guidati dalla mastina Aprea (che deve avere avuto dei problemi seri a scuola con i suoi insegnanti) mi sono sembrati all'inizio raffazzonati e dilettanteschi. Ultimamente però stanno aggiustando il tiro per raggiungere lo scopo e accontentare i loro mandanti.

Zret ha detto...

Bisogna fermare questa armata di pazzi.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti