martedì 2 febbraio 2010

Giampilieri, l'alluvione dimenticata e le false promesse di Berlusconi

Vergogna ai media nazionali! Alle televisioni! Alle istituzioni capitoline! Tutti tacciono. Vergogna a Silvio Berlusconi che aveva promesso fondi per il ripristino della normalità a Giampilieri, paesino in provincia di Messina, il più colpito dall'alluvione dell'ottobre scorso. Nulla è stato fatto! Proprio nulla!
Al di là delle vittime (che riposino in pace), c'è un territorio da riassestare e case da ricostruire, ma tutto rimane ancora disastrato. Le case ancora agibili non possono essere rioccupate dai legittimi proprietari, i cittadini si rifiutano di entrarvi perché il costone scivolato sul paese è ancora lì, a ridosso delle case, pericolosamente in bilico e minaccioso. E chi oserebbe entrare in quelle case?
Ecco quello che aveva promesso Silvio Berlusconi e che non ha mai mantenuto:
- Realizzeremo abitazioni in aree più sicure.
- Bloccheremo tasse e mutui.
- Ci sarà un contributo statale che dovrebbe equiparare il miliardo stanziato per la ricostruzione di L'Aquila.
- Come a L'Aquila verranno costruite case vere e piccoli centri commerciali per sostituire i negozi distrutti.
- Richiamerò probabilmente la stessa compagnia che è riuscita, a 110 giorni dal terremoto, a consegnare case rifinite e ammobiliate.
- Farò frequenti visite alla città per fare il punto della situazione.
BERLUSCONI, VERGOGNA!
Ora, noi che ci sentiamo davvero solidali e che amiamo davvero ogni singolo centimetro dell'Italia e del Pianeta, siamo quelli che gridiamo a questo inutile premier:
DIMISSIONI SUBITO!
Anziché pensare ai veri problemi del Paese, Berlusconi è intento a pararsi il deretano dai processi in cui è coinvolto (e se ne vanta pure, che figuro!) e a ripristinare codici fascisti, a operare divisioni nella società civile, a mortificare l'istruzione pubblica (non andiamo avanti solo per non snaturare l'oggetto del post).
A Giampilieri la gente è esasperata non solo dalla precaria situazione, ma anche da un presidente del consiglio che se n'è infischiato di loro e che ha sguinzagliato l'araldo di turno (Prestigiacomo) per far sapere che nel 2010 non ci saranno fondi per la difesa del suolo *. Però abbiamo 13 comodi miliardi per acquistare 131 cacciabombardieri. Soldi pubblici al vento! Berlusconi, vallo a dire ai cittadini di Giampilieri che i soldi per il ponte ci saranno!
Berlusconi, noi non ti abbiamo mai creduto e abbiamo fatto bene. Chi ti ha votato faccia in fretta a ricredersi, per il bene del nostro Paese e per non passare da corresponsabile di tutte le nefandezze che gli italiani onesti e per bene stanno sopportando, da 16 anni a questa parte.

* Prestigiacomo: 'Noi quest'anno per la difesa del suolo abbiamo 50 milioni. Per il 2010 sapete quanto c'è? Zero'.

target="_blank"

2 commenti:

yellow ha detto...

VERGOGNA!

Aries 51 ha detto...

Caro (si fa per dire) Silvio , nonostante la mia assoluta certezza della tua incapacità a sentire la vergogna (in quanto sentimento strettamente legato a sensibilità,umanità,umiltà,amore,pietà ed altre bazzecole del genere)mi associo a Coscienza e Yellow. VERGOGNA !

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti