mercoledì 11 maggio 2011

Quale democrazia?

Berlusconi ha avuto la maggioranza, tutti buoni e zitti. In democrazia la maggioranza vince, governa, detta legge. La costituzione? Nulla di più inutile, solo belle parole, lo vediamo apertamente adesso. Chi crede ancora che un pezzo di carta sia sufficiente a fermare i despoti, si illude, come si illude tutte le volte che va a votare. La democrazia di cui si riempiono la bocca è questa, vi piaccia o meno.
La vera democrazia qual è? E' quella che i cittadini non vedranno mai, perché coincide con il governo del popolo, con l'autogestione ragionata, quindi anche con l'anarchia. Se nelle piazze si grida 'vogliamo democrazia', molti non sanno che si dovrebbe specificare: la democrazia della costituzione o quella del vero potere al popolo? Perché bisogna saperlo fin dall'inizio: quale democrazia? Quella del 'vuoi il potere, dammelo'? Se è questo quello che volete, allora beccatevi anche Berlusconi, zitti e buoni. Bisogna saperlo fin dall'inizio, bisogna porsi delle domande: perchè il massone fascista Licio Gelli parla di 'rinascita democratica'? O ancora: se i programmi di destra e di sinistra parlano di libertà e democrazia, dove si rintana il potere dittatoriale? Non sarà che destra e sinistra vogliono la democrazia costituzionale perché fa comodo alla loro esclusiva autorità? Non sarà che la democrazia rappresentativa è in realtà una dittatura? E in questo caso, come in effetti è, chi sarà a garantire un vero potere del popolo e una vera libertà? Prendete in considerazione l'anarchia, studiatela, liberatevi dei luoghi comuni, poi scoprirete perché l'anarchia viene criminalizzata da ogni tipo di governo.
Ci lasciamo andare in un ultimo pensiero: quasi tutti i comunisti non sanno di essere anarchici per due motivi:
1) Sono legati ai pregiudizi e rifiutano a priori l'ideale anarchico.
2) Non sanno concepire un ideale che non sia rinchiuso dentro uno schema di partito, gerarchico, quindi devono riconoscere un capo a cui delegare il loro potere.
Sarebbe interessante se i comunisti riconoscessero l'errore fatto alla Prima Internazionale, sarebbe magnifico se i comunisti si informassero meglio sull'anarchia dimenticando tutto ciò che hanno sentito dire, sarebbe davvero una liberazione definitiva per l'umanità se tutti i comunisti tornassero insieme a noi per edificare una bella società sulla base degli ideali che ci accomunano. Allora sì che la vera democrazia si attuerebbe.

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

Nessun commento:

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti