mercoledì 26 ottobre 2011

Lo scontrino della mensa del senato

Gira in rete questo scontrino, a riprova (se ce ne fosse bisogno) di quanto riportato nel menù del senato e anche di quanto i vostri affezionati rappresentanti siano dei cinici vampiri che gozzovigliano alle nostre spalle, sguazzando nei privilegi e annegando la noia nello champagne.

Trofie 0,87
Ananas 0,43
Torta della nonna 0,67
Insalata spinaci e parmigiano 1,75
Tagliata con rucola, grana e aceto balsamico 3,41
Bevande 0,37
TOTALE PASTO 7,37

Servizio 3,91
TOTALE OPERAZIONI 11,41

nota
Anche se -come pare- lo scontrino riguarda i dipendenti del senato e non direttamente i senatori, questo non cancella tutti gli altri privilegi della casta. Ma, ricordandoci che siamo in Italia, qualcuno è pronto a scommettere che i dipendenti del senato (magari una buona parte) non siano 'amici e parenti di'? Di fatto lo scontrino più che una prova rappresenta un avviso, una notifica, un richiamo alla mente sulle mille condizioni di favore dei politici. Lo scontrino, fino a poco tempo fa veritiero, si configura come una goccia nell'immenso oceano di privilegi. Per cui, falso o no, è fuori discussione che i privilegiati stanno tutti a palazzo, con delega 'responsabile' dei cittadini democratici.

Votate, gente, votate!

PS. Vi viene voglia di maledirli? Ma ragionate, dovreste maledire voi stessi, altro che!

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

3 commenti:

Zio Scriba ha detto...

Mi sa che in "trofie" hanno messo una "f" di troppo... :-))

Anonimo ha detto...

Salve..una domanda a proposito delle teorie di Fromm in merito alla natura umana.Dunque se lui sostiene, credo giustamente, che l'uomo nasce per natura pacifico e pronto a cooperare con gli altri,ma il suo carattere viene poi forgiato negativamente dallo Stato e le varie sovrastrutture, vorrei capire allora coloro che hanno inventato lo stato e quindi il predominio sugli altri, avevano gia' delle, chiamiamole cosi', tare mentali dalla nascita?

Tonio

coscienza critica ha detto...

No, Tonio, i capostipiti del sistema statale (kurgan) divennero autoritari per colpa di fattori ambientali ed economici. Le carestie imposero un severo controllo sui raccolti, le terre furono divise e controllate, le corruzioni e il malaffare giovarono a coloro che sperimentarono la forza fisica per difendere il poco che avevano. Nacquero nuove leggi, coercitive, da parte di coloro che alla fine seppero imporre la loro forza agli altri. Così nacque lo Stato. Quel modello, nato circa 7000 anni fa, venne esportato e imposto con la forza ai popoli pacifici d'Europa. Torniamo anarchici, ci guadagnamo tutti, in ogni senso.

PS. Leggi il post sulle società gilaniche. Cercalo con l'apposito strumento.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti