mercoledì 21 novembre 2012

Il pescatore e il laureato


Una barca arriva nel porto di una piccola comunità costiera. La barca è carica di pesce. C'è un signore elegante al porto, e vedendo quel carico di pesce vuole complimentarsi col pescatore e gli chiede quanto tempo abbia impiegato per pescarlo.

- Non molto tempo, signore elegante.
- Ma allora perché non sei rimasto più tempo in mare per prendere ancora più pesce?
- Perché questo è esattamente il pesce che serve alla mia famiglia, non ne serve altro.
- E cosa fai tu, pescatore, il resto del giorno?
- Mi sveglio quando voglio, mi diverto, gioco con i miei figli, sto con la mia compagna, vado a visitare gli amici, beviamo del vino e suoniamo la chitarra. Ho una vita ben riempita.
- Ascoltami, pescatore, io sono laureato e posso aiutarti. Dovresti pescare più a lungo, prendere più pesci e venderli per guadagnare dei soldi, e con i soldi guadagnati potrai comprare una barca più grande. E con una barca più grande potrai pescare molto più pesce e guadagnerai il necessario per comprare altre barche, fino a possedere una bella flotta. Invece di vendere il tuo pesce a un intermediario, potresti venderlo direttamente all'industria e persino aprirne una tua di industria. In questo modo potrai anche lasciare il tuo piccolo villaggio per andare nella capitale, da dove potresti dirigere tutti i tuoi affari.
- Quanto tempo richiede tutto ciò?
- beh, diciamo 15 /20 anni.
- E dopo?
- Caro pescatore, dopo sarà il momento più bello e interessante, perché potrai quotare in borsa le tue società e guadagnare dei milioni a palate.
- Dei milioni? E dopo?
- Dopo andrai in pensione e potrai vivere in serenità in un piccolo villaggio costiero, potrai svegliarti quando vorrai, potrai divertirti, giocare con i nipoti, stare con la tua compagna, bere del vino con gli amici e suonare la chitarra.

target="_blank"
target="_blank"
target="_blank"

2 commenti:

Anonimo ha detto...

"Ma io questo lo faccio già"
Mi pare finisse così.
-rob

Anonimo ha detto...

Fantastico! Il capitale ci fa guadagnare (con sudore e sangue) quello che ci dovrebbe spettare per diritto. Questa composizione mi ricorda tanto Silvano Agosti... l'essere umano ha bisogno di poche ma essenziali cose: Un tetto sotto il quale vivere, il cibo e una comunità con cui relazionarsi.


Saluti libertari.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti