giovedì 9 dicembre 2010

Lo Stato supera la linea della perfezione

Lo Stato è un sistema perfetto nella sua struttura e nei suoi meccanismi, si è perfezionato nel corso dei secoli e i vizi che potevano esserci ai suoi albori oggi sono tutti eliminati. Una macchina atrocemente perfetta anche nel proprio sistema autopoietico. Lo Stato ha un solo scopo: generare se stesso. Per raggiungere questo scopo lo Stato deve anzitutto esistere, ma per esistere serve una struttura gerarchica, senza quest'ultima lo Stato non avrebbe ragione e motivo di esistere. Ma che cos'è la gerarchia? E' una scomposizione della società in ceti, classificati e posti in una scala di valori secondo un ordine prestabilito e regolato su base prevalentemente economica: al vertice della piramide c'è l'istituzione sovrana (nel nostro caso il parlamento e i suoi apparati di comando), mentre nell'ultima fascia in basso c'è il popolo. Non è cambiato niente dai tempi degli antichi egizi o dei babilonesi. Il popolo deve generare ricchezza per poter mantenere in vita lo Stato, ma le ricchezze non sono mai equamente distribuite. Questo è logico, se le ricchezze fossero equamente distribuite non ci sarebbe gerarchia, quindi neppure lo Stato. Perciò lo Stato ha tutto l'interesse di mantenere le sperequazioni e le ingiustizie. Come dire: tolte le ingiustizie, addio Stato. Viceversa: tolto lo Stato, benvenuta uguaglianza e vera giustizia.
Fino qua ci siamo? Bene. Ora veniamo al titolo del post. Cosa vuol dire oltrepassare la linea della perfezione? Vuol dire che lo Stato distrugge i suoi equilibri e strafà nella sua prerogativa principale che è quella di inghiottire ricchezze e cacare leggi. E come fa lo Stato a ingozzarsi a tal punto da superare se stesso? Dalla richiesta di pecunia e di sacrifici fatta al popolo, lo Stato è passato a depauperare persino le milizie, cioè una parte fondamentale di se stesso, quella parte che gli serve per difendersi dagli eventuali attacchi del popolo, dalle rivoluzioni, dalle proteste. E' autocannibalismo.
Le proteste della sbirraglia contro il governo sono gli effetti di una bulimia statale che va oltre ogni immaginazione. Quando mai s'è vista una polizia che protesta contro il governo? Questo può succedere (ed è successo) solo quando le persone che indossano una divisa gallonata si accorgono che il popolo ha ragione, e ad esso si unisce per lottare e per ottenere lo smantellamento del sistema. Quando uno Stato colpisce persino la polizia, negandole ad esempio un salario decente, allora quello Stato deve stare molto attento, quello Stato è gestito da persone malate. Ed ecco il punto. A noi sembra del tutto normale che questo Stato sia giunto a far protestare persino la polizia, i carabinieri, i vigili del fuoco... Ed è normale perché chi detiene oggi il potere possiede un ego talmente sproporzionato da volerlo espandere a dismisura, fino a mordere il proprio braccio armato. Siamo di fronte ad una smania di potere inaudita, egocentrica, spasmodica e molto pericolosa (anche per lo stesso Stato).
E adesso a noi. Alla fine del post diremo qualcosa che vi sembrerà sconvolgente, questa: noi vogliamo bene allo Stato, soprattutto a questo Stato, quello italiano attuale. Non siamo ammattiti, ragioniamo per paradosso, è ovvio, il nostro è un 'amore interessato': più lo Stato è autoritario, più l'anarchia vive, è presente e vibrante (la coscienza anarchica degli italiani sta lievitando e non sapete quanto). Siamo contenti di questo Stato e del suo disastro in atto, perché questo governo sta portando allo scoperto tutta la schifezza, fa toccare con mano le ignobili prerogative dello Stato, della gerarchia che compie violenza sulle fasce più deboli. E' uno Stato che si autodenuncia come mai è accaduto prima, questo è meraviglioso! E' davvero un peccato se dovesse cambiare governo, altre persone al comando potrebbero abilmente nascondere le atrocità (pur compiendole), indorandole con le solite menzogne (democrazia, libertà, costituzione, diritti...) e svanirebbe la possibilità di una rivoluzione, tanto necessaria, quanto auspicata (anche da Monicelli).
Osserviamo bene allora tutto, guardiamo bene in faccia la democrazia, questa bella parola che non ha mai avuto senso se non quello di mistificare retoricamente le fauci fameliche dello Stato. Osserviamo la costituzione, questa collezione di articoli scritti dallo stesso ordine costituito e che qualsiasi persona al potere può aggirare, questa carta che permette ai folli e ai fascisti di governare e che è zeppa di limiti, di subordinazioni ad altre leggi, di rimandi alle più varie restrizioni, codici e codicilli. Osserviamo bene la legge, guardiamola davvero, mai come adesso appare chiaro che la legge non è mai stata uguale per tutti. Provate a fare causa a Berlusconi, se vi riesce, ma anche solo al vostro sindaco. Non possiamo cadere ancora in questi tranelli, li vediamo tutti molto bene grazie a Berlusconi e alla sua arroganza, alla sua inesperienza e alla sua smania di potere, talmente esagerata che non si cura neppure di tenere nascosti i canini dello Stato, come hanno fatto sempre i suoi predecessori.
Perciò avanti così, avanti tutta verso lo sfacelo totale, che lo Stato divori tutto: polizia, burocrati, tecnocrati, economi, giudici, costituzioni, clero, banche... E a quel punto, quando avremo più di un motivo vitale per ribellarci, quando non ci interesserà davvero più la tv, nè il telefonino nuovo, saremo allora pronti per la nostra rivoluzione (l'importante è non ricostituire lo Stato, poi, l'errore di sempre).

Immagine: 'Le diable', di G. H. Jossot (il diavolo in persona raccomanda al popolo di obbedire ai suoi amati figli: la legge, l'esercito, il clero).

target="_blank"

target="_blank"

2 commenti:

Dario ha detto...

Se lo stato è arrivato al punto di ingozzarsi parti di se stesso, in questo caso la polizia (ma non l'esercito), è perchè NON ne ha più così tanto bisogno.

La polizia è la milizia dello stato più vicina alla base della piramide, quella più a contatto di essa. Pertanto la più esposta a "sfuggirgli di mano" per difendere i vessati: il popolo. Ecco dunque l'introduzione di limitazioni e tagli proprio alla Polizia. Tanto il popolo si "guarda da se", tenuto a bada dalla TV e gadget vari.

Invece l'esercito no. Quello se lo tiene ben stretto (ne avrà bisogno), potenziato, e allenato, utilizzandolo nelle scuole, nella Protezione Civile, nelle discariche, nelle strade tra la gente (avrei linkato come esempio ognuno di questi ambiti, ma non si può.

Non bisogna a mio avviso sottovalutare Lo Stato, e qui non intendo il nostro di stato, quello governato da un accozzaglia di mariuoli, ma quello Globale, quello che stà sopra agli stati locali compreso il nostro. Esso è una macchina di sottomissione popolare perfetta. Se distrugge la polizia "locale" un motivo c'e di sicuro.

E prima lo individuiamo e meno intense saranno le conseguenze per il Popolo.

D'altronde sappiamo bene che i confini degli stati non hanno alcun senso di esistere. di confine, fino a prova contraria, ne esiste uno solo: quello delimitato dall'atmosfera.
Ciao
Dario.

coscienza critica ha detto...

Molto corretto quello che dici, Dario.

Post in evidenza

Società gilaniche: le floride comunità senza Stato. L'anarchia durata migliaia di anni

Q uesto post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stat...

I nostri 10 articoli più letti